domenica, 14 Aprile 2024

Pakistan attacca Iran, nuove tensioni internazionali: timore per escalation conflitto

Il Pakistan attacca l'Iran causando diverse vittime, la Russia suggerisce moderazione ai due Paesi lungo il confine. Si rincorrono gli appelli internazionali per evitare ulteriori tensioni, la Cina si dice disposta a mediare.

Da non perdere

Il Medio Oriente non ha pace, adesso fa i conti con una nuova e pericolosa escalation con attacchi incrociati tra Iran e Pakistan. Si aggiungono timori e paure su un territorio già fortemente provato dalla guerra tra Israele e Hamas e da quella che rischia di esplodere tra Stato ebraico e Hezbollah.

Si rincorrono gli appelli internazionali per evitare ulteriori scontri. Dall’Onu alla Russia agli Usa alla Cina, sono molteplici gli sforzi internazionale per evitare al mondo nuove tensioni.

Onu: “Usare mezzi pacifici”

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto all’Iran e al Pakistan di “esercitare la massima moderazione per evitare un’ulteriore escalation delle tensioni”.

“Il Segretario generale sottolinea che tutte le preoccupazioni relative alla sicurezza tra i due paesi devono essere affrontate con mezzi pacifici, attraverso il dialogo e la cooperazione, in conformità con i principi di sovranità, integrità territoriale e relazioni di buon vicinato”, ha affermato il portavoce delle Nazioni Unite Stephane Dujarric.

Cina pronta a mediare

La portavoce del ministero degli Esteri cinese, Mao Ning, ha detto che la Cina è disposta a fare da mediatrice tra i due Paesi.

“La Cina spera sinceramente che le due parti possano esercitare calma e moderazione ed evitare un’escalation”, spiega Mao Ning. “Siamo anche disposti a svolgere un ruolo costruttivo nell’allentare la tensione, se entrambe le parti lo desiderano”.

Russia invita a moderazione

La Russia ha esortato Iran e Pakistan alla moderazione dopo gli attacchi rivolti a sospetti “terroristi” lungo il confine tra i due Paesi, attacchi durante i quali hanno perso la vita a una decina di persone, tra loro anche donne e bambini.

“Stiamo osservando con allarme la crescente escalation della situazione nella regione di confine tra Iran e Pakistan negli ultimi giorni. Chiediamo alle parti di esercitare la massima moderazione e di risolvere le questioni emergenti esclusivamente con metodi politici e diplomatici”, ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

La diplomatica ha poi aggiunto: “Esprimiamo la nostra speranza che l’Iran e il Pakistan trovino presto un modo per risolvere le loro divergenze nello spirito di buon vicinato, comprese quelle relative all’arresto delle minacce terroristiche provenienti dai rispettivi territori”.

Usa: “Non vogliamo vedere escalation, in contatto con Pakistan”

“L’Iran non è particolarmente ben visto nella regione”, il commento di Joe Biden rispondendo ieri a una domanda riguardo alle tensioni degli ultimi giorni. “In che direzione andrà la cosa? Lo stiamo studiando, non so”, ha poi aggiunto il presidente.

Dopo le dichiarazioni di Biden prima di partire per la North Carolina, il portavoce del consiglio di Sicurezza Nazionale ha precisato che Washington “sta monitorando con molta, molta attenzione” la situazione. “Non vogliamo chiaramente vedere un’escalation nell’Asia centro meridionale – ha aggiunto John Kirby parlando ai giornalisti a bordo dell’Air Force One – e siamo in contattato con i nostri interlocutori pakistani”.

L’attacco pachistano in Iran

Secondo l’agenzia stampa iraniana ‘Fars’, ieri mattina il Pakistan ha sferzato un attacco nella provincia sudorientale di Sistan e Baluchestan in Iran, causando 9 morti. Il vice governatore della provincia Alireza Marhamati ha dichiarato che ieri, alle 4.30 del mattino ora locale, ci sono state diverse esplosioni in diversi luoghi intorno alla città di Sarava. Le esplosioni hanno ucciso quattro bambini, tre donne e due uomini.

Il Pakistan ha affermato di aver effettuato una serie di attacchi militari contro quelli che sosteneva fossero covi di militanti separatisti all’interno dell’Iran. L’operazione pachistana è arrivata il giorno dopo che l’Iran ha colpito due quartieri generali del gruppo terroristico Jaish Al-Adl, nella provincia sud-occidentale pakistana del Balochistan.

Ultime notizie