domenica, 14 Aprile 2024

Meteo, cambio drastico delle condizioni meteorologiche: piogge torrenziali. In arrivo neve e freddo

L'Italia si prepara a dire addio alle ultime ore di bel tempo e a un caldo anomalo, poiché nelle prossime 48 ore il clima subirà un repentino cambiamento, portando con sé il freddo tipico di questo periodo dell'anno.

Da non perdere

L’Italia si prepara a dire addio alle ultime ore di bel tempo e a un caldo anomalo, poiché nelle prossime 48 ore il clima subirà un repentino cambiamento, portando con sé il freddo tipico di questo periodo dell’anno. Andrea Garbinato, responsabile della Redazione del sito iLMeteo.it, avverte dell’arrivo imminente di nuvoloni e piogre torrenziali già dalla giornata di domani, venerdì 5 gennaio.

La situazione inizierà con alcuni rovesci leggeri al mattino, interessando principalmente la Sardegna, la Liguria, l’Alta Toscana, parte del Piemonte e la Valle d’Aosta. Nel pomeriggio, un fronte legato a una bassa pressione sul Golfo del Leone porterà piogge più consistenti su tutto il Nord-Ovest, estendendosi successivamente al Triveneto. La neve si farà sentire a quote collinari in Piemonte e oltre i 700-800 metri altrove. Nel corso della serata, tutta la zona settentrionale sarà coinvolta in un clima perturbato con il Ciclone della Befana che si approfondirà sul Mar Ligure e le temperature in costante diminuzione.

Il 6 gennaio, in occasione dell’arrivo della Befana, il Ciclone porterà maltempo diffuso sull’intero Paese con venti locali di burrasca fortissima. Le raffiche più violente colpiranno la Sardegna meridionale, ma venti molto forti si faranno sentire anche in Sicilia, Puglia, sulle coste tirreniche e sulle Alpi, risultando tesi anche nel resto del Paese, compresa la solitamente tranquilla Pianura Padana. La Befana porterà con sé un primo calo delle temperature e un clima invernale. Sul versante alpino, si prevede un abbondante manto bianco con oltre mezzo metro di neve fresca tra Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli.

Il 7 gennaio, il Ciclone si sposterà verso il Medio Adriatico, richiamando correnti fredde dai Balcani e dall’estrazione polare russa. Ciò porterà masse d’aria gelida in Italia e un ulteriore calo delle temperature. Le precipitazioni saranno a carattere nevoso fino a quote collinari al Centro, con il ritorno della neve fresca in Appennino oltre i 500 metri di quota. Le regioni più colpite saranno Emilia Romagna, Marche e Basso Tirreno, con forti precipitazioni e possibilità di abbondanti nevicate sulle colline esposte ai venti di Bora nelle aree prospicienti l’Alto Adriatico.

Nel dettaglio, giovedì 4 gennaio vedrà un tempo stabile al Nord, soleggiato in montagna; al Centro sarà soleggiato e mite; al Sud, qualche piovasco sul Basso Tirreno, poco nuvoloso con clima piacevole altrove. Venerdì 5 gennaio, al Nord, ci sarà forte maltempo con neve a quote collinari; al Centro, maltempo con piogge forti in Sardegna e sul versante tirrenico; al Sud, peggioramento in serata. Sabato 6 gennaio, al Nord, si prospetta forte maltempo con neve a quote collinari; al Centro, maltempo con piogge intense e venti forti in Sardegna; al Sud, maltempo con rinforzo del vento.

Ultime notizie