mercoledì, 12 Giugno 2024

Covid, diffusione della Variante JN.1 in Italia: raggiunto il 37%

Anche la variante JN.1 in aumento, ma esperti non allarmati.

Da non perdere

La variante JN.1 del Covid, una “figlia” di BA.2.86 o Pirola, sta guadagnando terreno in Italia, rappresentando ora il 37,1% dei sequenziamenti nelle ultime settimane di campionamento. Questo emerge dal recente Monitoraggio Settimanale Covid condotto dall’Istituto Superiore di Sanità e dal Ministero della Salute. Sebbene la variante stia diventando sempre più prevalente, gli esperti rassicurano che al momento non sembra comportare rischi aggiuntivi per la salute pubblica rispetto ad altri lignaggi circolanti.

La Variante JN.1 è stata recentemente designata come una “variante di interesse” indipendente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Mentre l’OMS suggerisce che JN.1 potrebbe avere una diffusione più rapida, gli esperti italiani sottolineano che al momento non sembra essere più contagiosa delle altre varianti. Tuttavia, è stata osservata un’incremento delle reinfezioni, il che suggerisce la necessità di monitorare attentamente la situazione.

Massimo Ciccozzi, responsabile dell’Unità di Statistica Medica ed Epidemiologia presso il Campus Bio-Medico di Roma, afferma che, nonostante l’aumento della presenza di JN.1, la variante non sembra essere più aggressiva delle precedenti varianti di Omicron. La sua mutazione principale, la L445S, si trova nella regione della mutazione di Pirola e rappresenta un potenziale rischio di elusione immunitaria.

Gli esperti ribadiscono che tutti i vaccini anti-Covid approvati continuano a proteggere contro la malattia grave e la morte, inclusa la Variante JN.1. Tuttavia, consigliano il mantenimento delle misure preventive, come il distanziamento sociale e l’uso di mascherine, per ridurre la diffusione del virus.

Mentre la situazione continua a evolversi, è fondamentale mantenere un monitoraggio attivo e un’adeguata risposta alle nuove varianti al fine di proteggere la salute pubblica. Si consiglia alla popolazione di seguire attentamente le direttive delle autorità sanitarie e di vaccinarsi quando possibile per contribuire a contenere la diffusione del virus.

Ultime notizie