giovedì, 29 Febbraio 2024

Israele-Hamas, assalto finale a Khan Younis: caccia a Yahya Sinwar

La tensione nella regione continua a salire mentre l'esercito israeliano ha dichiarato di aver circondato la città di Khan Younis, nella Striscia di Gaza, conducendo un assalto finale.

Da non perdere

La tensione nella regione continua a salire mentre l’esercito israeliano ha dichiarato di aver circondato la città di Khan Younis, nella Striscia di Gaza, conducendo un assalto finale. Nel frattempo, il segretario generale dell’ONU, Antonio Guterres, ha invocato l’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite, chiedendo al Consiglio di Sicurezza di intervenire sulla delicata situazione umanitaria a Gaza e di promuovere un cessate il fuoco.

Il leader di Hamas, Yahya Sinwar, è ora nel mirino dell’IDF (Israeli Defense Forces), con il primo ministro Benjamin Netanyahu che ha dichiarato che è solo una questione di tempo prima che venga catturato. L’IDF ha dichiarato di aver circondato “la casa di Yajya Sinwar”, sottolineando che la sua dimora non è considerata una fortezza impenetrabile.

Nel frattempo, la città meridionale di Beersheba è stata presa di mira da razzi lanciati dalla Striscia di Gaza, aggiungendo ulteriori tensioni al conflitto in corso. L’IDF ha lanciato un attacco combinato nell’area di Khan Younis, mirando ai “centri di gravità” dell’organizzazione terroristica di Hamas, secondo quanto dichiarato dalle forze armate israeliane. In poche ore, le truppe hanno sfondato le difese della brigata di Hamas a Khan Younis, circondando la città e iniziando manovre in profondità.

L’IDF ha anche annunciato l’uccisione di un certo numero di terroristi di Hamas nelle operazioni nel nord e nel sud della Striscia di Gaza. Decine di obiettivi terroristici sono stati colpiti nella città di Khan Younis, mentre è emerso uno scontro a fuoco tra le forze armate e membri di una cellula terroristica davanti all’ingresso di un tunnel, con due terroristi uccisi.

Nella città settentrionale di Jabalya, i militari hanno effettuato un raid mirato contro un compound militare di Hamas, causando la morte di alcuni terroristi. Le forze di difesa hanno anche scoperto una rete di tunnel sotterranei collegata all’esterno del compound, oltre a strutture destinate ad attività di addestramento e stoccaggio di armi.

In risposta alle crescenti pressioni internazionali, Israele ha approvato un aumento “minimo” delle forniture di carburante a Gaza per prevenire una crisi umanitaria. Questa mossa segue le richieste degli Stati Uniti e mira a evitare che la popolazione civile soffra a causa della mancanza di risorse essenziali.

Il gesto di Antonio Guterres, che ha invocato l’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite, testimonia la gravità della situazione e il bisogno urgente di una soluzione pacifica e di un cessate il fuoco nella regione. La comunità internazionale rimane in allerta mentre la situazione continua a evolversi.

Ultime notizie