giovedì, 29 Febbraio 2024

Sciopero nazionale del Personale Sanitario, 24 ore di protesta contro la “Manovra 2024”

Oggi, martedì 5 dicembre, il personale sanitario in Italia, compresi medici, dirigenti sanitari e infermieri, ha indetto uno sciopero nazionale della durata di 24 ore per protestare contro la Manovra 2024 e, in particolare, il taglio delle pensioni.

Da non perdere

Oggi, martedì 5 dicembre, il personale sanitario in Italia, compresi medici, dirigenti sanitari e infermieri, ha indetto uno sciopero nazionale della durata di 24 ore per protestare contro la Manovra 2024 e, in particolare, il taglio delle pensioni. Questa azione di protesta mette a rischio una vasta gamma di servizi, compresi esami di laboratorio, interventi chirurgici, visite specialistiche e esami radiografici. Tuttavia, i sindacati responsabili dello sciopero, Anaao Assomed e Cimo-Fesmed, insieme al sindacato Nursing Up, hanno assicurato che saranno garantite le prestazioni d’urgenza.

L’astensione dal lavoro coinvolgerà circa la metà dei sindacalizzati, con la possibilità di cancellare fino a 1,5 milioni di prestazioni sanitarie. Le ragioni principali della protesta riguardano la richiesta di assunzioni di personale, la detassazione di una parte della retribuzione, risorse adeguate per il rinnovo dei contratti di lavoro, la depenalizzazione dell’atto medico e la cancellazione dei tagli alle pensioni.

In concomitanza con lo sciopero, si terranno manifestazioni in tutto il paese. I leader sindacali parteciperanno a un Sit-in a Roma in Piazza SS Apostoli alle ore 11.30. Altre manifestazioni sono previste in diverse città, tra cui Torino, Genova, Bologna, Napoli, Palermo, Bolzano, Cagliari, Trieste e Udine.

Possono aderire allo sciopero tutti i medici, dirigenti sanitari, tecnici e amministrativi in servizio con rapporto a tempo determinato o indeterminato nelle aziende ed enti del Servizio Sanitario Nazionale, compresi gli Irccs, Izs, Arpa, e dipendenti delle strutture private o religiose convenzionate con il Ssn. Anche il personale medico universitario che svolge attività assistenziale in aziende ospedaliere universitarie può partecipare allo sciopero. Per il comparto, è ammessa la partecipazione di tutto il personale sanitario non medico afferente alle qualifiche contrattuali del comparto della sanità.

Ultime notizie