domenica, 26 Maggio 2024

Lampedusa, la svolta per il “cimitero dei barconi”: iniziata la rimozione

Oggi, sulla spiaggia di Lampedusa è iniziata la rimozione delle piccole e grandi imbarcazioni che venivano usate dai migranti per arrivare in Sicilia. Finalmente un po di decoro per la zona in vista della stagione estiva.

Da non perdere

L’isola di Lampedusa è al collasso sulla questione migranti. Ci sono stati sbarchi senza sosta nei ultimi giorni e l’hotspot che può ospitare intorno a 400 persone, ne ha circa 3 mila. Con il peggioramento delle condizioni in mare, gli sbarchi si sono leggermente fermati e Lampedusa riesce a respirare per un attimo.

IL CIMITERO DEI BARCONI
C’è però un altro importante problema a Lampedusa, il cimitero dei barconi. L’area di 1.500 metri quadrati, sulla costa di Lampedusa desta preoccupazione in quanto esposta ai turisti e ai residenti. Il sindaco delle Pelagie, Filippo Mannino ha chiesto un intervento d’urgenza alla protezione civile per recuperare tutti i natanti e le “carrette” abbandonate. I barchini venivano utilizzati dai migranti per le pericolose traversate verso la Sicilia.

La gestione delle centinaia di imbarcazioni era diventata molto complicata perché la zona adibita allo stoccaggio dei natanti è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza a metà dicembre scorso. La società che avrebbe dovuto gestire il tutto risultava sprovvista di autorizzazioni ambientali. Quatro persone sono state iscritte nel registro degli indagati con le accuse di “raccolta e smaltimento di rifiuti in assenza delle prescritte autorizzazioni” e “illecita miscelazione di rifiuti” fa sapere la Procura di Agrigento.

LA SVOLTA
Dopo la visita di domenica del Presidente della Regione, Renato Schifani e del capo dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione Valerio Valenti, oggi è iniziata la rimozione delle imbarcazioni. Il lavoro è stato affidato a una dita per conto delle Dogane. Il tutto viene caricato nei camion e portato sulla terraferma tramite traghetto di linea. Il processo è stato avviato anche per dare un po di decoro alla spiaggia in vista della nuova stagione estiva. Il sindaco delle Pelagie Filippo Mannino aveva affermato “Ci sono già arrivi di turisti calendarizzati per Pasqua e le spiagge sono ricolme di natanti, non possiamo farci trovare in queste condizioni.”

Ultime notizie