domenica, 23 Giugno 2024

ONU, accordo storico per la protezione delle Acque Internazionali

L'Onu in seguito ad anni di decisioni ha raggiunto l'accordo per la protezione delle Acque Internazionali.

Da non perdere

Storico l’accordo dell’Onu per il primo trattato internazionale a protezione dell’alto mare, accordato al Palazzo di Vetro, domenica intorno alle 3 per l’ora italiana.

L’Alto mare è quella zona al di fuori delle 200 miglia nautiche dalle coste, un territorio aperto che rappresenta due terzi degli oceani, minacciato dalla pesca eccessiva, dalla ricerca, e dall’inquinamento. Questa zona fa parte delle acque internazionali, quindi al di fuori delle giurisdizioni nazionali, in cui tutti gli Stati hanno il diritto di pescare, navigare e fare ricerca, per esempio. Allo stesso tempo, l’Alto Mare svolge un ruolo vitale nel sostenere le attività di pesca, nel fornire habitat a specie cruciali per la salute del pianeta e nel mitigare l’impatto della crisi climatica. Inoltre con il progresso della scienza è emersa la necessità di proteggere gli oceani nella loro interezza perché producono la metà dell’ossigeno che respiriamo, rappresentano il 95% della biosfera del pianeta e limitano il riscaldamento climatico assorbendo anidride carbonica.

Sono occorsi quindici anni, quattro anni di negoziazioni formali e infine 48 ore, per raggiungere un trattato definitivo. Ad ostacolo all’accordo in questi anni c’è stata la procedura per creare aree marine protette e il modello per gli studi di impatto ambientale, ancor di più la spartizione di risorse genetiche, come crostacei, coralli, batteri e spugne marine, oggetto di attenzione per il commercio e la ricerca scientifica a causa del loro potenziale uso in cosmetica e medicina. I negoziati sul clima come in altre circostanze, sono finite per diventare una questione di equità tra paesi sviluppati e in via di sviluppo, che si sono battuti per non venire esclusi dall’accesso alle risorse che l’oceano offre. A rafforzare la fiducia Nord-Sud, e facilitare la rettifica del trattato e la sua prima attuazione l’Ue ha promesso a New York 40 milioni di euro.

“La nave ha raggiunto la riva”, ha annunciato il presidente della conferenza Rena Lee presso la sede delle Nazioni Unite a New York. Il contenuto dell’accordo, non è ancora reso noto, ma verrà tradotto in sei lingue aggiunge Rena Lee. Inutile descrivere l’emozione in aula, gli applausi e l’entusiasmo che i funzionari dell’Onu hanno riservato alla chiusura di questo incontro storico, una grande risorsa per il futuro del pianeta.

Ultime notizie