giovedì, 20 Giugno 2024

Assalti a tabaccherie, ristoranti e negozi: preso rapinatore seriale finito l’incubo dei commercianti

La raffica di colpi ha determinato una vera e propria escalation di paura tra i titolari delle attività, l'uomo ha però lasciato dietro di sé una lunga serie di indizi raccolti e messi insieme minuziosamente dagli investigatori.

Da non perdere

La Squadra Mobile della Questura di Monza e Brianza ha eseguito nella mattinata del 22 dicembre una ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Monza a carico di un cittadino italiano di anni 35 residente in provincia. L’uomo è ritenuto responsabile di una serie di reati “predatori “ commessi in Monza ai danni di esercizi commerciali tra giugno e novembre di quest’anno. In particolare del furto aggravato in una tabaccheria in Monza a giugno scorso, dove s’è impossessato di vari “ gratta e vinci” per un valore di circa 300 euro approfittando di un momento di distrazione della titolare;
di una rapina ai danni di un ristorante in centro a Monza a novembre scorso, dove ha asportato circa 600 euro dalla cassa e si allontanava dal locale dopo una breve colluttazione con la titolare del ristorante che cercava di impedirgli la fuga. In quella circostanza ha inscenato un finto ordine per cibo d’asporto e quando la donna si è spostata dalla cassa per prelevare il cibo richiesto dalla cucina, l’uomo si è avvicinato alla cassa e prelevava dal suo interno il contante; la donna accortasi di quanto stava avvenendo ha cercato di impedirgli la fuga, ma l’uomo l’ha strattonata e spintonata violentemente contro l’ingresso del locale, riuscendo a dileguarsi per le vie cittadine.

In ultimo, la rapina in un negozio sempre a Monza, a solo una settimana dalla precedente, dove si è fatto consegnare l’incasso di 300 euro sotto la minaccia di un coltello rivolto all’impaurito titolare ultra 65enne che non riusciva a proferire parola. Le sue azioni portate a termine anche a distanza di un breve lasso ti tempo e con una certa escalation delittuosa, hanno creato tra i vari esercenti commerciali cittadini il timore di poter essere future vittime dell’ignoto rapinatore. L’ attività d’indagine condotta dalla Squadra Mobile con la visualizzazione delle immagini dalle telecamere di videosorveglianza presso gli esercizi commerciali e nelle zone adiacenti, la raccolta di numerose testimonianze coordinate con le risultanze dei rilievi effettuati dal locale Gabinetto di Polizia Scientifica, l’attività di controllo del territorio cittadino anche attraverso pattuglie in borghese, hanno permesso di ricostruire la dinamica delle condotte predatorie dell’uomo e anche le sue caratteristiche somatiche tra cui spiccava un particolare tatuaggio. Le risultanze dell’indagine hanno consentito alla Procura della Repubblica di Monza, di richiedere il successivo provvedimento di misura cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Monza. L’ uomo è stato rintracciato nella mattinata odierna presso la sua abitazione in provincia di Monza, dove a seguito della perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti alcuni degli indumenti indossati durante le sue azioni delittuose.

Ultime notizie