lunedì, 27 Maggio 2024

Commercio di oro e preziosi, maxi evasione fiscale a gestione familiare: oltre 8 milioni di euro non dichiarati denunciati padre e figlia

Nel mirino dei Finanzieri due persone, padre e figlia, denunciate per i reati di dichiarazione infedele, omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e bancarotta fraudolenta.

Da non perdere

Maxi-evasione fiscale nel commercio di oro e preziosi scoperta dalle Fiamme Gialle di Roma. I militari, durante attività ispettive nei confronti di imprese attive nel commercio all’ingrosso e al dettaglio di metalli e oggetti preziosi, hanno disvelato l’esistenza di una rete societaria di affari illeciti. Nel mirino dei Finanzieri due persone, padre e figlia, denunciate per i i reati di dichiarazione infedele, di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e di bancarotta fraudolenta. Del gruppo faceva parte anche una società la cui sede legale era stata artificiosamente trasferita a Lugano, per beneficiare di un trattamento fiscale più favorevole. Durante le indagini è anche emerso che una società aveva subito il depauperamento del proprio patrimonio, a vantaggio di società estere, provocando una crisi di insolvenza tale da constatarne il fallimento. Ammontano a più di 8 milioni i ricavi non dichiarati al Fisco dalle 5 società di Ladispoli, Cerveteri e Bracciano.

Ultime notizie