mercoledì, 28 Febbraio 2024

Inchiesta Juve, mail ad Agnelli: “Riduzione stipendi e plusvalenze sono operazioni chiave per la messa in sicurezza”

Si aggiunge un nuovo capitolo al libro che riguarda l'inchiesta sulla Juventus. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, sarebbe spuntata una mail nella quale riduzione stipendi e plusvalenze vengono considerate due operazioni chiave in ottica bilancio.

Da non perdere

Si aggiunge un nuovo capitolo al libro che riguarda l’inchiesta sulla Juventus, legata a false comunicazioni sociali in relazione ai bilanci 2019, 2020 e 2021. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, sarebbe spuntata una mail nella quale riduzione stipendi e plusvalenze vengono considerate due operazioni chiave in ottica bilancio.

“Riduzione stipendi e plusvalenze sono operazioni chiave per la messa in sicurezza”: questo, dunque, pare sia stato scritto da Stefano Bertola, dirigente della Juventus preposto alla redazione dei documenti contabili del bilancio, al presidente Andrea Agnelli in data 18 novembre 2020. Nella mail si parla della situazione finanziaria del club in vista della predisposizione del bilancio 2021. Dalla mail si evidenzia che si va verso un rosso di -116 milioni; possibili “mitigazioni” sono previste attraverso “riduzioni stipendi” e “plusvalenze”. Sono queste parole ad aver attirato l’attenzione della Procura di Torino.

Quest’ultima scoperta va ad aggiungersi alla vicenda legata al quaderno di Paratici, accusato ai tempi di “distruzione di una generazione”. Si tratta di una raccolta di appunti risalenti al periodo marzo-aprile 2021, nei quali il dirigente bianconero, parlando dell’operato di Paratici, al tempo suo superiore, evidenzia che il suo piano di “recupero bilancio è disastroso” e aggiunge “meno forma e più sostanza”.

Ultime notizie