giovedì, 9 Febbraio 2023

Atp 1000 Parigi-Bercy, trionfa Rune: si arrende Djokovic dopo una splendida partita

Primo titolo master 1000 della carriera per Holger Rune che batte Djokovic 3-6 6-3 7-5 al termine di un match bellissimo. Danese che sarà riserva a Torino e ha mancato di soli 30 punti la qualificazione che sarebbe stata una vera e propria impresa.

Da non perdere

Al termine di una bellissima partita Holger Rune vince il primo titolo 1000 della carriera a Parigi-Bercy battendo il 6 volte campione Novak Djokovic per 3-6 6-3 7-6. Incredibile dimostrazione di forza del neanche 20enne danese che dimostra una stabilità mentale fuori dal comune e anche una resistenza degna proprio del miglior Nole. Il match è stato davvero gradevole con scambi da fondo di estrema qualità e soluzioni brillanti, Rune ha tenuto molto bene da fondo un Djokovic che però è sembrato avere del fastidio alla gamba destra, forse nella zona inguinale a giudicare dal tipo di stretching che il serbo ha improvvisato in campo e dal trattamento ricevuto. Holger Rune si sveglierà domattina da numero 11 del mondo, ovviamente il suo best ranking, con l’opportunità di giocare le Atp Finals in caso di infortunio di uno degli 8 qualificati, essendo la prima riserva del torneo. Avrà comunque modo di rammaricarsi poiché ha mancato l’accesso a Torino per soli 28 punti.

Cronaca del match

Nel primo set un quasi “auto-break” del danese, forse un po’ contratto per la situazione nuova per lui, consegna in pratica il primo set a Djokovic per 6-3. Serbo che nel primo gioco sul servizio di Rune si trova subito 0-40, ed è qui che la partita ha una svolta poiché il 19enne danese si salva magnificamente e nel game successivo addirittura brekka Djokovic e, come il serbo, porta in fondo il break. Un set pari quindi con Rune che sul piano del gioco non soffre più di tanto i continui spostamenti a cui lo sottopone Nole che commette qualche errore di troppo ma brekka comunque Rune a inizio terzo portandosi sul 3-1 grazie a un altro regalo del danese: 2 doppi falli consecutivi. Sembra quindi che Djokovic sia sulla via del successo avanti 30-0, ma un grande guizzo di Rune porta di nuovo alla parità assoluta sul 3-3. Adesso è una gara di nervi e quando è così Djokovic piuttosto di perdere venderebbe l’anima, però il serbo oggi sembra veramente essere lontano dalla migliore condizione ed è Rune a ottenere il break decisivo sul 5 pari e a servire per il match. Qui si gioca uno dei game più belli, vista l’importanza dell’anno, nessuno dei due vuole mollare la presa, uno scambio massacrante dietro l’altro e 5 palle break per Djokovic annullate da campione da Rune che fa doppio fallo sul primo matchpoint e, dopo l’ennesima chance annullata, chiude al secondo sdraiandosi sul cemento parigino.

Ultime notizie