martedì, 21 Maggio 2024

Serie A, 11a giornata: Napoli espugna l’Olimpico, primi 3 punti per la Samp

L'11a giornata di Serie A vede il Napoli ancora in vetta alla classifica, seguito da Milan e Lazio; vincono anche Juventus e Inter. Primi 3 punti in questa Serie A per la Sampdoria, torna a perdere dopo due mesi l'Udinese.

Da non perdere

Tanti gol nell’undicesima giornata di Serie A, conclusasi ieri sera con i posticipi tra Cremonese-Sampdoria e Sassuolo-Verona. Vince il Milan nella gara di sabato con il Monza e si piazza al secondo posto, dopo la sconfitta dell’Atalanta contro la Lazio. Vittoria rocambolesca per l’Inter a Firenze, passeggia la Juve sull’Empoli. Il Napoli espugna l’Olimpico e resta in vetta alla classifica.

Juventus-Empoli 4-0

Nell’anticipo di venerdì 21 ottobre, la Juventus batte agevolmente l’Empoli con un sonoro 4-0. A sbloccare la partita ci pensa Moise Kean all’8′: traversone in area di Kostic, buca De Winter e l’attaccante bianconero è pronto a ribadire in rete l’1-0. Il raddoppio arriva nel secondo tempo, al 55′: Cuadrado batte bene l’angolo, trovando la testa di McKennie che anticipa tutti e fa 2-0. Terza rete messa a segno da Rabiot al minuto 82′: ancora angolo di Cuadrado e sul secondo palo c’è Rabiot che insacca il 3-0. Doppietta per il francese che, al 92′, appoggia in rete un assist dolcissimo di Danilo. Juventus che sale a quota 19 punti, all’ottavo posto in classifica.

Salernitana-Spezia 1-0

A decidere la gara tra Salernitana e Spezia è il grandissimo gol di Pasquale Mazzocchi: al 48′, il n.30 dei campani raccoglie una spizzata su cross di Candreva, sistema la palla e con il destro insacca all’incrocio dei pali. 3 punti e Salernitana che torna a vincere dopo la sconfitta a San Siro nella gara contro l’Inter. Spezia fermo a 9 punti, quintultimo in classifica.

Milan-Monza 4-1

Il Milan, senza troppi sforzi, batte il Monza e vola al secondo posto in solitaria in classifica. Partita che nel primo tempo ha un solo protagonista: Brahim Diaz. Il trequartista spagnolo apre le danze 16′: imbeccato da un rilancio di Tatarusanu, parte da centrocampo, spaccando in due la difesa del Monza, e batte con un tocco di punta Di Gregorio per il vantaggio rossonero. Raddoppio sempre firmato Brahim al minuto 41′: servito in area da Origi, si gira sul destro e incrocia nell’angolino basso. Il 3-0 è una prima volta, la prima in Serie A per Divock Origi: l’attaccante belga scarica un bolide dal limite dell’area sotto il sette e chiude i conti del match. Timida reazione del Monza al minuto 70′ con la rete su punizione di Ranocchia, prima del 4-1 siglato da Leao su assist di Theo Hernandez.

Fiorentina-Inter 3-4

7 gol nel posticipo di sabato 22 ottobre tra Fiorentina e Inter. Gara che si sblocca subito al 2′: Lautaro imbuca Barella dopo la sponda di Correa, il centrocampista nerazzurro non sbaglia davanti a Terracciano e fa 0-1. Il raddoppio vede protagonista ancora il Toro Martinez: al 15′, azione quasi solitaria con dribbling secco e sinistro a battere l’estremo difensore viola. La Fiorentina rientra in partita al 32′ con il calcio di rigore segnato da Cabral, per fallo di Dimarco su Bonaventura, e pareggia al 59′ con la grandissima rete personale di Jonathan Ikoné, che batte Onana con un piattone sotto il sette. L’Inter rimette la freccia al 73′ con il gol segnato ancora da Lautaro, questa volta dagli 11 metri; la Fiorentina trova il pari al 90′ con la girata al volo di Jovic, dopo il colpo di testa di Milenkovic. La squadra di Inzaghi, però, la vince in extremis, al 94′: palla dentro di Barella, Venuti prova a spazzare ma tira addosso a Mkhitaryan che, involontariamente, spinge la palla in porta e regala i 3 punti all’Inter.

Udinese-Torino 1-2

Nel lunch match domenicale, l’Udinese cade in casa dopo quasi due mesi senza sconfitte. Il Torino di Juric riesce nel colpaccio e ritrova una vittoria che mancava da 5 giornate. Partita sbloccata al 14′ da Ola Aina: l’esterno granata mette in buca d’angolo su assist di Miranchuk. L’Udinese trova il gol del pari al 26′ con la rete di Deulofeu: l’attaccante spagnolo, servito da Udogie, insacca a porta vuota. Il Toro la vince 69′ grazie a Pellegri: la punta granata sfrutta l’assist di Radonjic e batte Silvestri per l’1-2 definitivo.

Bologna-Lecce 2-0

Il Bologna batte 2-0 il Lecce e sale a quota 10 punti in classifica. Il Lecce, invece, quartultimo è ancora fermo a 8. Partita aperta dalla rete di Arnautovic al 13′, che non sbaglia dagli 11 metri. Raddoppio di Ferguson al 34′: il centrocampista rossoblù anticipa tutti sul calcio d’angolo battuto da Barrow.

Atalanta-Lazio 0-2

La Lazio, senza Ciro Immobile, batte l’Atalanta di Gasperini al Gewiss Stadium e l’aggancia in classifica. Al 9′, Pedro mette un traversone che pesca Zaccagni, in anticipo sui centrali dell’Atalanta, e batte Sportiello per la rete del vantaggio. Raddoppio al minuto 52′: Marusic, lanciato da Cataldi, appoggia dietro per Felipe Anderson, il brasiliano controlla e, in contro tempo, batte l’estremo difensore avversario. Lazio che agguanta l’Atalanta al 3 posto in classifica, a quota 24 punti.

Roma-Napoli 0-1

Il Napoli mantiene il solitaria la vetta della classifica, espugnando anche l’Olimpico di Roma. Dopo la sconfitta dell’Atalanta, è l’unica squadra ancora imbattuta in Serie A. Una partita tattica e molto combattuta, risolta dalla grande giocata di Osimhen al minuto 80′: sul lancio di Politano, l’attaccante nigeriano supera in velocità Smalling, controlla e al volo incrocia sull’altro palo, battendo Rui Patricio.

Cremonese-Sampdoria 0-1

Prima vittoria in questa Serie A per la Sampdoria di Stankovic, che batte la Cremonese per 0-1 grazie alla rete di Colley. Gol che arriva al 78′: Augello trova Gabbiadini che di testa la mette al centro, trovando libero il difensore blucerchiato; per Colley è un gioco da ragazzi insaccare a porta vuota da due passi. Da sottolineare l’errore dal dischetto di Dessers, per la Cremonese, al minuto 7′.

Sassuolo-Verona 2-1

Il Sassuolo batte in rimonta 2-1 il Verona, nel posticipo delle 20.45 di lunedì 24 ottobre. A passare in vantaggio solo gli ospiti, al minuto 2′ con Ceccherini: il difensore degli scaligeri crossa in area ma la palla non trova nessuna deviazione e si insacca alla spalle di Consigli. Il Sassuolo la pareggia al minuto 32′: Laurentié sterza benissimo su Hien e batte Montipò con un destro piazzato all’angolino. La rete della vittoria la sigla al minuto 74′ il solito Dvaide Frattesi: il centrocampista neroverde corregge in rete, sul primo palo, una grande giocata di Traoré sulla sinistra. Sassuolo nono, a quota 15, mentre il Verona scala in penultima posizione con 5 punti.

Ultime notizie