domenica, 26 Maggio 2024

Juventus, false plusvalenze: concluse le indagini preliminari

Nella giornata di ieri, lunedì 24 ottobre, si sono concluse le indagini preliminari che vedevano protagonista la Juventus, accusata di falso nelle comunicazioni sociali e in quelle rivolte al mercato.

Da non perdere

Nella giornata di ieri, lunedì 24 ottobre, si sono concluse le indagini preliminari che vedevano protagonista la Juventus, accusata di falso nelle comunicazioni sociali e in quelle rivolte al mercato, poiché la società bianconera è quotata in Borsa. È arrivata la comunicazione della procura di Torino al Consiglio d’amministrazione della Juventus, oltre che ai dirigenti con responsabilità strategiche, ai componendi del Collegio Sindacale e al revisore legale del club torinese. La Procura, per mano del procuratore capo di Torino Anna Maria Loreto, ha fatto sapere che l’istruttoria, oltre a prendere in considerazione gli anni 2018, 2019 e 2020, “ha depositato al Giudice delle Indagini Preliminari richiesta per l’applicazione di misure cautelari personali, per alcuni indagati, e reali e che tale richiesta sia stata rigettata in data 12 ottobre 2022, avendo il Giudice ritenuto l’assenza di esigenze cautelari. Attraverso l’ordinanza di rigetto è stato depositato l’appello.”

Secondo l’accusa, i bilanci sarebbero stati alterati “in conseguenza di un anomalo ricorso a operazioni di scambio dei diritti alle prestazioni sportive di un elevato numero di atleti, operazioni, per altro, nel complesso distoniche nel panorama nazionale”. Il numero degli indagati ammonta a sedici, e tra questi ci sono anche il presidente Andrea Agnelli e il vicepresidente Pavel Nedved. Secondo gli inquirenti, “le operazioni di scambio, che, non generano flussi finanziari di sorta, risultano, concluse a valori stabiliti dalle parti in modo arbitrario e con lo scopo di far fronte alle necessità di bilancio del momento: tali operazioni sono state ritenute fittizie”. Ad alcuni indagati, inoltre, è stato contestato il reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni insistenti.

Ultime notizie