venerdì, 30 Settembre 2022

Europei di nuoto, il direttore tecnico Butini: “C’è pressione”. Pilato: “Non vedo l’ora”

Manca poco all'inizio della rassegna continentale di nuoto nella piscina del Foro Italico, a Roma. Ci sono grandi attese per una Nazionale che già ai Mondiali di Budapest ha fatto incetta di medaglie.

Da non perdere

Meno tre giorni. Tra settantadue ore i riflettori si accenderanno sulla piscina del Foro Italico e Roma diventerà fino al 21 agosto la capitale europea del nuoto. Dopo l’eccellente risultato ai Mondiali di Budapest dello scorso luglio, la nazionale italiana è chiamata a ripetere le prestazioni in terra magiara davanti al pubblico di casa.

Il direttore tecnico, Cesare Butini, ha voluto tracciare obiettivi e speranze della spedizione azzurra in vista del debutto in vasca: “La pressione viene percepita da tutti perché siamo attesi a dei risultati in linea con quelli che abbiamo ottenuto negli ultimi anni”, ha dichiarato il romano. In riferimento all’evento iridato ha poi aggiunto: “Budapest è stato uno spartiacque nel percorso della nazionale. Le prestazioni e i record personali sono stati eccezionali in una stagione molto particolare. Il Mondiale in una data particolare ha determinato un aggiustamento della preparazione anche per l’Europeo”. Il coach italiano non ha voluto fare pronostici chiosando: “Anche grazie alla Federazione abbiamo convocato nove atleti nati dopo il 2000, cerchiamo di puntare anche al percorso del futuro. Federica Pellegrini madrina? Fa un effetto strano, perché in una sede che l’ha vista protagonista nel 2009. Un bellissimo déjà-vu che ci fa ricordare anche la figura di Alberto Castagnetti che aveva portato lei e la squadra a ottimi livelli”.

Benny Pilato e l’Italia migliore di sempre

Tra le attesissime protagoniste della rassegna continentale anche la tarantina Benedetta Pilato, smaniosa di voler dimostrare il proprio valore al pubblico amico dopo le due medaglie conquistate in Ungheria nei 50 e nei 100 rana. “Vengo dalle medaglie mondiali vinte e vorrei replicare in casa. Sono in una squadra molto forte, forse la migliore di sempre, e davanti al nostro pubblico vogliamo dare il massimo“, ha commentato la pugliese. Sull’opportunità di gareggiare in casa ha poi aggiunto: “Sarà uno spettacolo vero gareggiare davanti al pubblico di gara, non vedo l’ora. Nel 2019 a Roma ho realizzato il primato italiano dei 50 rana prima dei Mondiali a Gwangju nel 2019. Se riavvolgo il nastro, il primo ricordo è legato al 2018 quando ai Categoria avevo vinto i 100 rana”. Infine un occhio di riguardo anche per le avversarie, a partire dalle connazionali Castiglioni e Carraro: “Ci sarà una bella sfida in casa e noi ci giocheremo già qualcosa di importante nelle batterie vista la concorrenza interna”.

Ultime notizie