sabato, 2 Luglio 2022

Contributi post terremoto, ma il capannone era inagibile da prima : sequestrati beni per 1,6 milioni di euro

Le indagini, condotte dai militari, hanno permesso di disvelare un pericoloso meccanismo fraudolento attraverso cui, il 73enne indagato avrebbe ottenuto contributi pubblici per oltre 1 milione e mezzo di euro.

Da non perdere

Le Fiamme Gialle di Bologna hanno eseguito un sequestro di un compendio immobiliare per 1,6 milioni di euro. Nel mirino dei Finanzieri un 73enne residente a Modena, accusato di truffa in materia di contributi per terremoto. Contributi, questi, erogati per contrastare danni sismici che si sono verificati in Emilia-Romagna nel lontano 2012.

Gli approfondimenti investigativi

Le indagini, condotte dai militari, hanno permesso di scoprire un pericoloso meccanismo fraudolento attraverso cui il 73enne indagato, con l’ausilio di altri 2 soggetti bolognesi, avrebbe ottenuto contributi pubblici per oltre 1 milione e mezzo di euro da investire nella ristrutturazione di immobili di sua proprietà. Pare, inoltre, che il 73enne avesse stipulato un contratto falso di comodato circa uno stabile e un capannone già inagibili prima del terremoto, con il solo intento di voler dimostrare fittiziamente la strumentalità degli stessi ai fini dell’attività agricola svolta dall’affittuario e ottenere indebitamente i contributi stanziati dalla Regione Emilia-Romagna per la ristrutturazione degli stessi.

Ultime notizie