sabato, 28 Maggio 2022

Morti bianche, giornata nera: due incidenti sul lavoro fatali. Un morto e un ferito in Brianza un morto in Calabria

Il ragazzo di 26 anni è in buone condizioni all'Ospedale di Desio. Un palo ha ceduto mentre il 33enne stava lavorando su una rete telefonica. Un operaio è morto stamattina a Reggio Calabria, schiacciato mentre raccoglieva rifiuti con un braccio meccanico.

Da non perdere

Non c’è stato nulla da fare per l’operaio brasiliano di 33 anni vittima dell’ennesimo incidente sul lavoro, questa volta a Biassono, in provincia di Monza e Brianza. L’uomo si trovava su una struttura per una sostituzione a una rete telefonica. Improvvisamente un palo ha ceduto, travolgendo il cestello su cui l’uomo si trovava. Il palo è finito sulla pensilina di una copertura adiacente a un capannone. L’operaio è precipitato sulla struttura metallica, anche se imbragato. Vigili del Fuoco, Carabinieri, ATS e Polizia Locale sono intervenuti sul posto con due ambulanze, un’auto medica e un elisoccorso. L’uomo era già deceduto all’arrivo dei soccorsi. Nell’incidente è rimasto coinvolto anche un giovane di 26 anni. È stato trasportato all’ospedale di Desio, ma le sue condizioni non destano preoccupazione.

Un operaio di 42 anni, Giuseppe Cuzzola ha perso la vita questa mattina a Reggio Calabria, nello stabilimento dell’Hitachi. Cuzzola era titolare di una ditta esterna addetta allo smaltimento dei rifiuti speciali. L’uomo è deceduto mentre era intento a raccogliere dell’alluminio con un braccio meccanico, rimanendo schiacciato. Tutti i tentativi di salvargli la vita sono stati purtroppo inutili, il 42enne è morto sul colpo.

Ultime notizie