sabato, 28 Maggio 2022

Piacenza, vendeva Green pass falsi ai no-vax: arrestata infermiera

Avrebbe venduto Green pass falsi a 23 persone per una somma che si aggirava tra i 250 e i 300 euro l'uno

Da non perdere

Alla Asl di Piacenza, un’infermiera è stata arrestata dai Carabinieri per aver venduto Green pass falsi a 23 persone per una somma che si aggirava tra i 250 e i 300 euro l’uno. L’operatrice sanitaria, che è regolarmente vaccinata e non è una no-vax, è in carcere per corruzione e falso.

Arrestato, attualmente ai domiciliari, anche il collaboratore che le trovava i clienti, che sembrerebbe si rivolgessero a una farmacia in cui prestava servizio. L’indagine, condotta dai Carabinieri del nucleo investigativo, coordinati dalla Procura di Piacenza, è partita da una denuncia della stessa Asl.

Secondo i Carabinieri, l’infermiera riusciva ad accedere ai centri vaccinali, in cui aveva lavorato, facendo credere di aver convinto gli amici no-vax spaventati dall’iniezione, ma che avrebbe somministrato lei stessa il vaccino. Tuttavia, non erano amici, ma clienti che pagavano 250 euro per avere la somministrazione di soluzione fisiologica, al posto del vaccino che veniva buttato via.

Intensificati i controlli all’interno dell’hub vaccinale, l’infermiera avrebbe iniziato a vendere Green pass ai no-vax, facendoli risultare positivi ai tamponi all’interno della farmacia durante il suo turno e poi negativi dopo 10 giorni di quarantena, questo secondo le intercettazioni telefoniche avvenute a inizio gennaio.

“Procederemo subito alla sospensione di questa infermiera, e valuteremo se ci sono le condizioni per procedere direttamente anche al licenziamento.” Queste le parole del direttore generale dell’Asl di Piacenza, Luca Baldino, riguardo l’accaduto. “L’unico aspetto positivo che si può trovare in questa vicenda è la fiducia degli utenti in un sistema che è in grado di intercettare quegli elementi che non funzionano, quale è una persona, una professionista, che per soldi va a vanificare il lavoro di due anni in un ambito così fondamentale alla lotta al Covid come quello delle vaccinazioni.”

 

Ultime notizie