mercoledì, 10 Agosto 2022

Non vuole mettere la mascherina a cinema, arriva la Security: “Lady Gaga ferma il film” e si gode lo spettacolo

Ha ignorato le ripetute proteste degli altri spettatori, in sala si sono vissuti momenti di tensione ed è dovuto intervenire il personale. Tutto solo per non mettere la mascherina.

Da non perdere

A due anni dallo scoppio della pandemia c’è ancora gente che crede di poter fare come se nulla fosse cambiato, tutto a discapito della comunità e della convivenza civile, oltre che delle norme e regole decise dal Governo. Dopo i lunghissimi mesi di stop, anche ben oltre lo stretto periodo del lockdown, i cinema sono tornati a funzionare. Non come ai livelli pre covid, ma meglio di niente. Per risollevare le sorti di un settore pesantemente in difficoltà è stato introdotto l’obbligo di indossare la mascherina, così, consapevoli della misura da rispettare, una quindicina di spettatori si reca la sera di un giorno di festa per vedere House of Gucci. C’è Lady Gaga e la storia intriga, vuoi mettere? La sala è grande, il pubblico è ben distanziato, sul maxischermo scorre la pubblicità che precede la proiezione della pellicola. Tutti aspettano l’inizio del film, tra cui una 30enne convinta che le regole per lei non valgano, e siede comodamente appollaiata nella poltrona a volto scoperto.

La cosa viene subito fatta notare da qualche altro presente, ma lei nulla, non si cura delle richieste di mettere la mascherina, nemmeno si gira verso chi protesta per replicare. In men che non si dica il coro di dissenso cresce, la cosa non può passare sotto silenzio. Dopo tanti sacrifici alle spalle la pazienza è ormai finita, ma la donna non ne vuole proprio sapere. Un’altra spettatrice decide così di ignorare la sua indifferenza e si avvicina alla ribelle. La tensione cresce, salgono i toni, tanto che le luci si riaccendono e arriva il personale del cinema. Sarà per una questione di orgoglio ferito, abbassa la testa e indossa una chirurgica, cosa che naturalmente non basta, così mette su una ffp2 e la Sicurezza se ne va. Tutto finito? Neanche per sogno.

Ormai si tratta di principio; forse convinta di passare inosservata nel buio della sala, toglie la mascherina. Qualcuno se ne accorge e va a chiamare il personale. Luci accese e film interrotto. Sotto la minaccia di essere cacciata, la spettatrice intollerante alle restrizioni rimette su la ffp2, ma ormai nessuno si fida più. Il risultato è che ogni mezz’ora arrivano le maschere a controllare. A questo giro il vero spettacolo è andato in scena in sala e non sullo schermo gigante.

Ultime notizie