domenica, 23 Gennaio 2022

Cagliari, molestie a una studentessa universitaria mentra va in mensa

Natalia Vacca Ferrai, ventunenne di Cagliari, subisce molestie da uno sconosciuto dopo un turno in Croce Rossa, recandosi alla mensa universitaria. Denuncia ai carabinieri e sui social e conseguente sit-in degli studenti.

Da non perdere

“Altre mi hanno detto di essere state vittima di fatti analoghi in zona. Mi sono sentita toccare dietro.” Queste le parole di una  21enne, volontaria della Croce Rossa Italiana e studentessa all’Università di Cagliari. Secondo quanto denunciato sui social e ai carabinieri, la ragazza avrebbe subito molestie da un uomo di circa 30-40 anni, con il volto coperto dalla mascherina e un cappello, due giorni fa a Cagliari.

Dal racconto della giovane, l’aggressore l’avrebbe molestata toccandola da dietro e rivolgendole frasi volgari a sfondo sessuale, mentre si recava alla mensa dell’ateneo dopo un turno in Croce Rossa. Le urla della ragazza avrebbero fatto reagire l’uomo, che l’avrebbe assalita afferrandole lo zainetto. La studentessa ha colpito l’aggressore con una ginocchiata, che ha risposto con una manata al petto, poi è riuscita a scappare, raggiungendo la stazione più vicina dei Carabinieri e poi il Pronto Soccorso.

La denuncia formale è scattata ieri mattina, quando la ragazza ha trovato la forza di pubblicare la propria esperienza sui social, ricevendo numerosi messaggi di solidarietà e racconti di esperienze analoghe. «Ho avuto incertezza nel denunciare quanto accaduto, ma è giusto. Per me, per altre donne.»

Questa solidarietà, tuttavia, non arriva solo dagli amici e dai colleghi dell’università. «Nella stessa giornata in cui si cominciano a delineare le responsabilità dei soprusi patiti da altre giovani donne a Milano nella notte di Capodanno, la sua denuncia assume ancora più forza e valore, e ci ricorda come la libertà della donna sia quotidianamente sotto attacco. Mi auguro che il responsabile sia presto individuato e che paghi come previsto dalla legge.» Con queste parole, la senatrice della Lega, Michelina Lunesu, ha mostrato la propria vicinanza alla ragazza.

L’associazione studentesca Unica, invece, ha organizzato un sit-in per sabato 22 gennaio in via Sulcis, vicino al luogo dell’aggressione, seguito poi da un’assemblea di quartiere. Gli studenti dell’Università di Cagliari spiegano: “Vogliamo mantenere alta l’attenzione sull’enorme disagio che ancora le donne vivono, oltre che manifestare l’indignazione per le violenze che ancora si susseguono indiscriminate senza ricevere giustizia.”

Ultime notizie