giovedì, 27 Gennaio 2022

Omicron Italia, variante è causa del 50% dei contagi

Nel nostro paese, circa il 50-60% circa dei nuovi casi è riconducibile alla variante Omicron. L'andamento dei nuovi contagi lascia presagire che, in poco tempo, si potrebbero toccare i 100mila casi al giorno.

Da non perdere

In Italia, il 50-60% circa dei nuovi casi è riconducibile alla variante Omicron. Condizione che potrebbe portare il nostro paese a 100mila casi al giorno. A dichiararlo, è il sottosegretario alla salute Pierpaolo Sileri: “È verosimile che la variante Omicron sia oltre il 50-60% di tutto il virus che in questo momento circola nel nostro Paese. Per modalità di diffusione, perché contagia cinque volte tanto la Delta e la Delta plus, che erano le varianti precedentemente circolanti, capiamo bene che in una, massimo due settimane Omicron prenderà il sopravvento sulla popolazione positiva: questa sarà la variante con la quale dovremo confrontarci nelle prossime settimane. È chiaro che sarà necessaria una revisione della quarantena, ma non credo sia questo il momento per rivederla perché oggi circola sia la variante Omicron che la Delta, che è quella poi prevalentemente responsabile delle persone ricoverate in terapia intensiva”, dice il sottosegretario.

In base al nuovo decreto che mira a contenere l’avanzata del virus, dovrà mettersi in quarantena chi ha avuto un contatto con un positivo, nonostante sia vaccinato. “Credo che sia auspicabile una variazione della quarantena, ma probabilmente ad un paio di settimane da oggi: tra 10 o 15 giorni, ma non adesso perché si rischia di ridurre la quarantena di persone vaccinate, perché è su queste che andrebbe ridotta, che non hanno la variante Omicron ma la Delta, che in questo momento sta dando i maggiori problemi nel senso che la maggior parte dei ricoveri e dei decessi che abbiamo sono ancora legati alla Delta”, continua Sileri.

“Quando la Omicron avrà preso il sopravvento sulla variante Delta verosimilmente anche i rischi saranno, per due ragioni, inferiori. Primo, perché si tratta di una variante più diffusiva ma probabilmente, anche se aspettiamo dati certi, meno cattiva. Secondo, probabilmente è meno patogena perché agisce su una popolazione prevalentemente vaccinata. Quindi è chiaro che una revisione sarà necessaria, ma è sulla tempistica e l’immediatezza che aspetterei qualche dato conclusivo in più. E in ogni caso aspetterei un parere della struttura scientifica alla quale ci affidiamo”.

Poi aggiunge “Stiamo uscendo dalla pandemia, perché verosimilmente questa variante Omicron è il canto del cigno di questo virus. Aspettiamo di capire esattamente come realmente si comporta, lavoriamo sulla quarantena, riduciamola, come già per altro si fa per coloro che sono vaccinati, vediamo di quanto ridurla e a chi, e liberiamo magari le persone con un test diagnostico”.

Per quanto riguarda la scuola, Sileri ha confermato che “Dal 10 gennaio si tornerà certamente a scuola in presenza. Qualche giorno fa mi è stato chiesto se vedevo per l’Italia dati come quelli del Regno Unito, con 100mila contagi al giorno, ed ho risposto che è verosimile si possa arrivare a quei numeri. Mi hanno chiesto se le vacanze natalizie debbano essere prolungate, ed ho risposto che con 100mila contagi, se non tutti non vanno in ospedale, e parlo di persone solo positive, senza sovraccarico di ricoveri e terapie intensive, non vedo come un grande problema il ritorno della didattica in presenza. Se si hanno 100 mila contagi al giorno che, invece, diventano ricoveri in ospedale, sovraccaricando le terapie intensive, credo che la scuola sarebbe l’ultimo, francamente, dei problemi, perché a quel punto ci troveremmo con cambiamenti di colore oltre l’arancione e con delle chiusure più importanti”.

Ultime notizie