martedì, 25 Gennaio 2022

Covid, salgono contagi e Rt. Brusaferro su Omicron: “Pochi dati, Delta ancora dominante”

Aumentano i contagi e l'Rt sale a uno. Sulla nuova variante il presidente dell'Iss alza le mani: non ci sono abbastanza dati, ma preoccupa ancora la Delta.

Da non perdere

“Il numero di persone infette cresce e cresce in maniera progressiva”, avverte Silvio Brusaferro, presidente Istituto Superiore di Sanità all’Healthcare Summit de Il Sole 24 Ore. “Anche l’incidenza settimanale aumenta. L’indice di trasmissibilità si mantiene sopra l’uno”, elemento fondamentale poiché “la possibilità di cominciare a far decrescere sia gli infetti sia le ospedalizzazioni passa attraverso un Rt che sia inferiore a uno”. Inoltre, con un Rt così alto, i ricoveri crescono in maniera regolare “sia in area medica che in terapia intensiva” nonostante, allo stato attuale, il Paese si trovi sotto le soglie d’allerta.

Sulla variante Omicron il presidente sostiene che manchino ancora i dati “ma c’è massima attenzione”. “Ad oggi la variante delta è dominante quasi esclusiva, anche nel nostro paese, e si trasmette in maniera efficace in assenza di copertura immunitaria o con copertura ridotta”. Fondamentale diventa dunque la terza dose di vaccino “perché innalzano la risposta immunitaria e proteggono dal contrarre le infezioni. Per piegare la curva e riportare l’Rt sotto l’uno, farle è un elemento importantissimo”.

 

Ultime notizie