martedì, 6 Dicembre 2022

Acieloaperto 2022, X edizione: i Flaming Lips inaugurano i festeggiamenti per i 10 anni della rassegna

Il 2022  si preannuncia un anno di importanti ricorrenze per la musica italiana ed è in questa cornice di realtà "resistenti" che si colloca la preziosa rassegna musicale romagnola, pronta a spegnere ben 10 candeline.

Da non perdere

Il 2022  si preannuncia un anno di importanti ricorrenze per la musica italiana ed è in questa cornice di realtà “resistenti” che si colloca la preziosa rassegna musicale romagnola Acieloapertopronta a spegnere ben 10 candeline il prossimo anno. Se il 2012 fu un anno fertile  per la scena musicale nostrana, non è scontato che contesti come quello di Acieloaperto siano ancora in pista ad una decade di distanza e che, soprattutto, godano ancora dell’entusiasmo dei primi giorni. Il carburante di questa isola felice – che ha trovato casa negli splendidi contesti storici della Rocca Malatestiana di Cesena e di Villa Torlonia a San Mauro Pascoli (FC) – continua ad essere la musica di ogni provenienza, caratterizzata da un minimo comune denominatore fatto di qualità senza tempo così come la forza di un collettivo di persone accomunate ancora oggi da quella passione che li ha portati a mettersi in gioco per portare una proposta alternativa alle mode del momento. L’aftermovie della scorsa edizione è un esempio fedele della splendida atmosfera che si respira grazie a questo fortunato connubio.

Non poteva esserci nome più calzante per dare fuoco alla miccia dei festeggiamenti se non quello dei Flaming Lips, attesissimi martedì 2 agosto 2022 in quel di Villa Torlonia a San Mauro Pascoli (FC). Tre anni dopo la loro ultima volta in Italia, la formazione capitanata da Wayne Coyne torna nel nostro paese per presentare il nuovo lavoro American Head, uscito nel 2020 per Bella Union [PIAS]. I biglietti saranno disponibili su Ticketone dalle 11 di venerdì 3 dicembre. 

American Head è il sedicesimo album in studio dei Flaming Lips ed è composto da 13 brani dalle atmosfere cinematografiche, prodotti dal collaboratore di lunga data Dave Fridmann insieme alla band. Tra questi troviamo God and the Policemen che vede ai cori la superstar country Kasey Musgraves. Come mostrato in anteprima con la pubblicazione di Flowers of Neptune 6, American Head affronta un salto temporale che occupa uno spazio simile a quello di The Soft Bulletin Yoshimi Battles The Pink Robots; possiamo considerarlo il loro lavoro più bello e organico di sempre.

La settimana scorsa è uscito Where the Viaduct Looms (Bella Union [PIAS]), album che contiene nove cover di Nick Cave cantate e arrangiate dalla quattordicenne Nell Smith con la produzione e strumentazione dei Flaming Lips. Per l’occasione, Nell e i Flaming Lips condividono il video dell’ammaliante versione di The Ship Song.

La storia dietro questa collaborazione inizia con Nell Smith che dal Regno Unito si trasferisce in Canada e nel 2018, a dodici anni, incontra per la prima volta Wayne Coyne a un concerto dei Flaming Lips a Calgary al quale aveva assistito insieme alla sua famiglia. Nell aveva già partecipato a diversi concerti della band ed era una habitué della prima fila, con il suo costume da pappagallo. Coyne non aveva potuto fare a meno di notarla e le aveva dedicato una canzone di David Bowie proprio al concerto di Calgary.

Il legame si intensifica nei mesi successivi, con Coyne che rimane a stretto contatto con Nell e suo padre Jude mentre la ragazza impara a suonare la chitarra e inizia a scrivere le prime canzoni. Quando padre e figlia si ritrovano costretti ad annullare a causa del Covid-19 un viaggio in Oklahoma per incidere insieme alla band, Coyne suggerisce a Nell di registrare alcune canzoni di Nick Cave e mandargliele via mail in modo da poter far registrare alla band la parte strumentale. Coyne sceglie proprio Nick Cave perché Nell non lo conosceva e quindi non avrebbe avuto idee preconcette su come cantare i pezzi. Il primo brano registrano è la cover di Girl In Amber, che un anno dopo esce accompagnata da un video come anteprima dell’album.

Ultime notizie