giovedì, 20 Gennaio 2022

Ucraina, rumors su colpo di Stato. Zelensky:”Pronti a escalation contro Russia”

Da non perdere

Sempre più insistenti i rumors su un golpe in Ucraina previsto tra il primo e il 2 dicembre. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha dichiarato in conferenza stampa: “Ho ricevuto dalle agenzie di intelligence di altri paesi informazioni su un colpo di stato che potrebbe avere luogo nel nostro paese il primo dicembre. O tra il primo e il 2 dicembre. È un’informazione interessante e anche importante“. Il presidente ha poi affermato che l’Ucraina è pronta ad affrontare una escalation nel suo conflitto con Mosca, sullo sfondo della crescente preoccupazione per l’attività militare russa al confine. “C’è una minaccia concreta oggi che potrebbe esserci una guerra, ma è anche vero che c’è troppo allarmismo da parte di vari mass media su questo argomento“, ha aggiunto.

Non ha tardato ad arrivare la risposta russa. “La Russia non ha mai avuto intenzione di partecipare in quello che Volodymyr Zelensky sostiene essere un colpo di stato in Ucraina”,  ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Nonostante le smentite, la Russia è comunemente vista come il burattinaio dei separatisti filo-russi, che dal 2014 controllano il Donbass, il bacino indipendente del Donec, ed è accusata di fornire loro armi e uomini. Ieri Angela Merkel e il presidente ucraino Zelensky hanno parlato lungamente al telefono “delle condizioni di sicurezza in Ucraina dell’Est” e Merkel ha rinnovato il suo sostegno per “l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina“. D’altra parte, il presidente russo Vladimir Putin, nel corso di una conversazione telefonica con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, “ha espresso la sua preoccupazione in relazione alla continuazione delle provocazioni della parte ucraina indirizzate all’aggravamento della situazione sulla linea di contatto” nel Donbass, ribadendo l’estraneità a ogni legame con i separatisti.

Ultime notizie