mercoledì, 8 Dicembre 2021

Si sgancia improvvisamente attrezzatura del peschereccio: muore marinaio 26enne

A largo di Pesaro, un marinaio tunisino 26enni è morto dopo essere stato colpito da una parte meccanica del peschereccio 'Orca' che si è improvvisamente staccata dalla sua base.

Da non perdere

Ennesimo morto sul lavoro, questa volta a largo di Pesaro. Un marinaio tunisino 26enne, assunto solo da pochi giorni, è deceduto dopo essere stato colpito da una parte meccanica del peschereccio ‘Orca’ che si è improvvisamente staccata dalla sua base. L’urto così violento in testa ha prima tramortito il giovane e poi lo ha ucciso.

I sindacati non ci stanno e puntualmente, ogni volta che accadono tragedie simili, chiedono “a gran voce” che venga garantita dal Governo maggiore sicurezza sul lavoro. Antonio Pucillo della Flai porta avanti questa “battaglia”: “La Flai Cgil, che è vicina ai familiari del giovane, non può non ricordare che la battaglia per avere maggiore sicurezza sul lavoro, anche in un comparto delicato come quello della pesca, va avanti da molti anni. Proprio nel mondo della pesca c’è maggior pericolo ma meno prevenzione, controlli e sicurezza; servirebbe quindi più formazione per i lavoratori.

Ultime notizie