mercoledì, 8 Dicembre 2021

Vaccini, terza dose di Pfizer efficace al 95,6% anche su variante Delta

Le aziende hanno assicurato che condivideranno i dati dello studio il prima possibile con Fda e Ema.

Da non perdere

Pfizer e BioNTech hanno comunicato i risultati topline di uno studio randomizzato di fase 3 che valuta l’efficacia e la sicurezza di una dose di richiamo del vaccino Pfizer-BioNTech Covid-19 in oltre 10mila over 16 anni. Un richiamo di 30 microgrammi somministrata a individui che avevano ricevuto le prime due dosi, ha mostrato “un’efficacia vaccinale relativa del 95,6% rispetto a coloro che non hanno ricevuto il richiamo”, in situazioni in cui la variante Delta di Sars-CoV-2 è il ceppo prevalente.

I risultati “forniscono un’ulteriore prova dei benefici dei booster. Miriamo a mantenere le persone ben protette contro questa malattia”, ha dichiarato il presidente e Ceo di Pfizer, Albert Bourla, che assicura continuità nell’impegno “per aumentare l’accesso globale e la diffusione” del siero a mRNA “tra i non vaccinati”. “Non vediamo l’ora di condividere questi dati con le autorità sanitarie – ha aggiunto – e di lavorare insieme per determinare come possono essere utilizzati per supportare il lancio di dosi di richiamo in tutto il mondo”. Questi dati, come ha riferito Ugur Sahin, Ceo e co-fondatore di BioNTech, “si aggiungono al corpo di evidenze scientifiche che suggeriscono che una dose di richiamo del nostro vaccino può aiutare a proteggere un’ampia popolazione di persone da questo virus e dalle sue varianti”.

Nello studio, il tempo mediano tra la somministrazione della seconda e della terza dose di richiamo è stato di circa 11 mesi. Il follow-up mediano è stato invece di 2 mesi e mezzo. Durante il periodo di studio, si sono verificati 5 casi di Covid nel gruppo potenziato e 109 in quello non potenziato. L’età media dei partecipanti era di 53 anni, con il 55,5% di età compresa tra i 16 e i 55 anni e il 23,3% over 65.

In una nota in cui sono stati riepilogati i termini dello studio, si precisa che le analisi di più sottogruppi hanno mostrato che l’efficacia era coerente indipendentemente da età, sesso, razza, etnia o condizioni di comorbidità dei soggetti. Il profilo degli eventi avversi è stato “generalmente coerente con altri dati di sicurezza clinica per il vaccino, senza problemi di sicurezza identificati”, si legge. Pfizer e BioNTech prevedono di condividere questi dati con la Food and Drug Administration (Fda) statunitense, con l’Agenzia europea del farmaco Ema e altre agenzie regolatorie del mondo “il prima possibile”.

Ultime notizie