lunedì, 18 Ottobre 2021

Tokyo e Berlino muoiono di fame, assalto al caveau della macelleria: svolta nella Casa di Carta

La Polizia ha rintracciato i due attraverso le riprese di videosorveglianza, i pantaloni macchiati di vernice sono stati fatali per il 32enne moldavo.

Da non perdere

Il grande schermo ci ha offerto capolavori come “La Stangata”, “L’audace colpo dei soliti ignoti”, “Quel pomeriggio di un giorno da cani”, pellicole che seppur per una manciata di secondi, ci hanno fatto accarezzare l’idea di poter fare il colpo della vita. A Torino il furto del secolo non è avvenuto, ma il reato si è consumato ugualmente, e ad incastrare uno dei due colpevoli è stata una felpa della “Casa di Carta”.

L’obiettivo non era ovviamente la zecca di stato, bensì una macelleria, nella quale un 34enne italiano e un 32enne moldavo si sono introdotti dopo aver scassinato la serranda con un crick idraulico. Seppur i due siano riusciti a fuggire con un bottino di 300€, la Polizia non ha avuto particolari grattacapi nel ritracciarli.
Attraverso le riprese di videosorveglianza è bastato riconoscere l’outfit del cittadino moldavo, fermato per un controllo la sera prima con addosso lo stesso vestiario, ma soprattutto con un paio di pantaloni macchiati di vernice bianca, dettaglio che ha di fatto incastrato i due malviventi. L’individuo, già noto alle Forze dell’ordine, è stato deferito di libertà per furto.

Il complice è stato scoperto in seguito ad ulteriori accertamenti, si è infatti scoperto che il 34enne italiano che indossava la felpa della nota serie tv Netflix era agli arresti domiciliari, è stato quindi arrestato per evasione oltre ad essere denunciato per furto.

Ultime notizie