martedì, 21 Settembre 2021

Green pass e vaccino, manifestazioni di protesta da nord a sud

Manifestazioni e proteste contro green pass e vaccino in diverse città italiane, da nord a sud non si placano le opposizioni al vaccino e alla certificazione verde.

Da non perdere

Non si arrestano le proteste contro il Green pass, da nord a sud in diverse città si sono ritrovati ancora una volta i cittadini contrari alla certificazione verde, ideata per ridurre la diffusione del coronavirus. A Milano si sono ritrovati in piazza Duomo per dire “sì alla libertà” e “no al green pass” ritenuto antidemocratico: “Non ha nulla a che vedere con la situazione sanitaria, ma serve solo a spaccare la società” è stato detto sul palco.

Tra cori a favore di Giuseppe De Donno, l’ex primario di pneumologia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova morto suicida, padre della terapia anti Covid con il plasma iperimmune” gli organizzatori della protesta milanese hanno dato appuntamento alla manifestazione nazionale in programma il 25 settembre in piazza San Giovanni a Roma. Prevedibili gli inviti a non leggere i giornali ed ascoltare i tg, “finanziati dalle aziende farmaceutiche”. Prendono le distanze dai no vax, siamo per la libertà di scelta hanno detto, tra un attacco e all’altro anche a Salvini e Di Maio, definiti traditori.

Se a Milano si parla di 3mila presenze, nonostante la stima di 30mila fatta dagli organizzatori, a Napoli in piazza Dante erano in qualche centinaio, eppure dicono di essere di più rispetto all’ultima volta. Non sembra esserci spazio per il dialogo: no ai test salivari per gli studenti e i professori non vaccinati, no al vaccino nei bambini, attacchi per la solita dittatura sanitaria: “Criminali, vi aspetta Norimberga” recita uno striscione. Quanto a soluzioni alternative, però, non è chiara la strada da seguire. Scene non dissimili si sono viste a Torino, Padova, Roma. A Milano un gazebo dei 5Stelle è stato distrutto.

Ultime notizie