giovedì, 24 Giugno 2021

Russia, sparatoria a scuola: si aggrava il bilancio oltre 11 morti e 32 feriti. Preso un 19enne

Si aggrava la situazione della sparatoria nella scuola di Kazan: sono almeno 11 le persone decedute e altre 32 sono rimaste ferite. Nella scuola ci sarebbe stata anche un'esplosione.

Da non perdere

Si aggrava la situazione della sparatoria nella scuola di Kazan: sono almeno 11 le persone decedute e oltre 30 sono le persone rimaste ferite. Nella scuola ci sarebbe stata anche un’esplosione.

In base alle prime informazioni arrivate, un ragazzo di 19 anni è stato arrestato. L’autore della strage non aveva complici, come segnalato inizialmente da diverse agenzie locali. A dirlo è stato il presidente del Tatarstan, Rustam Minnikhanov, che ha descritto l’evento come “un disastro” e “una tragedia” assicurando che aiuto psicologico sarà portato a studenti e famiglie.

“L’autore è stato arrestato. Ha 19 anni. Possiede armi da fuoco regolarmente registrate”, ha aggiunto. Smentita quindi la notizia che vedeva la presenza di un secondo uomo, barricato al quarto piano dell’edificio, e ucciso dagli agenti di polizia. Al momento il bilancio della strage parla di undici morti e 32 feriti.

Ultime notizie