mercoledì, 20 Ottobre 2021

Napoli, allaccio abusivo all’Enel e 200 magliette false nel garage: denunciato un 47enne

Il pregiudicato era in possesso di capi d'abbigliamento falsi e sfruttava abusivamente la corrente pubblica

Da non perdere

Ben 201 t-shirt contraffatte: è quello che gli agenti del commissariato di Secondigliano hanno trovato in un garage nel quartiere San Pietro a Patierno. Lo rende noto l’Ufficio stampa della Questura con un comunicato arrivato in redazione.

Ieri mattina, durante un servizio di controllo del territorio, i poliziotti hanno effettuato un controllo in un box auto di via Giovanni Pascale dove hanno colto in flagranza di reato un uomo che custodiva merce contraffatta. Non solo ricettazione: il 47enne napoletano, noto per precedenti, è stato denunciato anche per furto di energia elettrica. Con il supporto del personale tecnico dell’Enel, gli agenti hanno potuto acclarare un allaccio abusivo alla rete pubblica.

La contraffazione nel settore tessile, soprattutto quello della moda, solo nello scorso anni ha causato danni da più di cinque miliardi. Secondo gli ultimi dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), a causa di questo fenomeno, le imprese manifatturiere hanno subito perdite pari a 1,3 miliardi l’anno per mancate vendite, mentre i consumatori pagano un miliardo e mezzo l’anno per l’acquisto di prodotti falsi.

Per puntare l’attenzione su questo fenomeno diffusissimo e che in Campania produce significativi danni al tessuto economico e produttivo, da una convenzione tra la Camera di Commercio di Napoli e l’associazione Museo del Vero e del Falso, è nato un vero e proprio museo con due sedi: la Borsa Merci di Napoli e la Stazione per l’Industria delle pelli a Pozzuoli.

Ultime notizie