sabato, 15 Maggio 2021

Roma, sequestrati 7 siti di trading on line: operavano senza autorizzazione

Sequestro da parte della polizia Postale di 7 siti di trading online che operavano senza autorizzazioni.

Da non perdere

Alcune segnalazioni della Consob alla Procura della Repubblica di Roma hanno consentito di avviare le indagini nei confronti di sette siti di trading online che operavano senza le necessarie autorizzazioni di legge.

Il Giudice per le Indagini Preliminari di Roma, in accoglimento della richiesta del Pubblico Ministero, ha disposto il sequestro preventivo ordinando ai provider operanti sul territorio nazionale di inibire il raggiungimento dei seguenti siti da parte degli utenti che si collegano dall’Italia:

www.topcapitalfix.com ; www.my.topcapitalfix.com ; www.eu-markets.co ; www.client.eu-markets.co; www.investfd.io; www.investfd.co; www.it.cryptoengine.app.

Il fenomeno del trading online ha avuto una una forte impennata durante la pandemia, molte persone, spesso anziani poco avvezzi all’utilizzo del computer, vengono attirati da annunci di facili guadagni, non riconoscendo una potenziale truffa.

Molti di questi siti chiedono alle vittime il versamento di una quota iniziale di investimento che però non viene utilizzata per fare trading, ma sottratta dai cybercriminali di solito operanti dall’estero.

La diffusione di questi crimini, che ha visto aumentare a dismisura la perdita di ingenti capitali verso Paesi esteri, ha indotto la Polizia Postale ad implementare notevolmente l’attività di contrasto. Nello corso del 2020 sono stati trattati 358 casi con oltre 20 milioni di euro di danno.

Ultim'ora