sabato, 15 Giugno 2024

Milano, violenza sessuale in ospedale: 20enne si toglie la vita

Secondo quanto denunciato dalla ragazza, la violenza sarebbe avvenuta su una barella in uno degli ambulatori del pronto soccorso per mano di un 28enne, un magazziniere dell'Ospedale.

Da non perdere

Una giovane 20enne ha denunciato di aver subito una violenza sessuale nel pronto soccorso dell’ospedale di Vizzolo Predabissi dove era ricoverata per presunti abusi familiari.

Secondo quanto denunciato dalla ragazza, la violenza sarebbe avvenuta su una barella in uno degli ambulatori del pronto soccorso per mano di un 28enne. La ragazza ha chiesto prontamente aiuto, gli infermieri del reparto sono stati i primi a soccorrerla e ad avvisare le forze dell’ordine. La sera del 28 maggio, intorno alle ore 20:30, la ventenne si è suicidata lanciandosi da una finestra del quarto piano dell’ospedale. I sanitari hanno provato a salvarla ma senza alcun successo.

Il presunto responsabile, un magazziniere italiano incensurato residente nel lodigiano, è stato sottoposto a fermo e condotto in carcere perché indiziato della violenza. L’uomo sostiene si sia trattato di un rapporto pienamente consensuale. Sul corpo della ventenne è stata disposta l’autopsia mentre gli accertamenti sono stati affidati ai Carabinieri di San Donato Milanese e Melegnano.

La comunità locale è sconvolta e ci sono richieste di maggiore protezione e supporto per le vittime di abusi.

Ultime notizie