sabato, 15 Giugno 2024

Israele, un cittadino su due sostiene la politica di Netanyahu su Gaza

Un sondaggio condotto da un istituto di ricerca statunitense mostra come l'opinione pubblica israeliana abbia subito forti cambiamenti.

Da non perdere

Secondo un sondaggio di Pew Research Center, la metà degli ebrei israeliani crede che debba essere Israele a mantenere il controllo della Striscia di Gaza dopo la fine della guerra contro Hamas. Solo l’8% della demografica coinvolta nel sondaggio afferma che debba essere la popolazione locale a decidere chi dovrebbe governare l’enclave palestinese. La stessa opinione invece è sostenuta dal 37% degli arabi israeliani.

I significati del sondaggio

Il primo avvertimento è che il sondaggio è stato condotto tra il 3 marzo e il 4 aprile. I risultati potrebbero quindi risultare obsoleti a questo punto. Nonostante ciò, è interessante notare come tali risultati trovino conferma nella volontà di Netanyahu di negare ogni autonomia giuridica alla popolazione palestinese.

Un dato molto importante è quello per cui nel corso degli anni, tra la popolazione ebrea israeliana, sia crollata l’opinione secondo cui sia possibile una convivenza pacifica tra israeliani e palestinesi con una soluzione a due stati. Dal 2013, quando Pew ha iniziato a sondare l’opinione dei cittadini israeliani, quasi la metà dei cittadini coinvolti nei sondaggi condivideva il parere che supportava la soluzione a due stati. Attualmente solo il 19% degli israeliani crede che una soluzione del genere sia possibile.

L’unica opinione condivisa tra la popolazione araba e quella ebrea di Israele è ruota attorno alle preoccupazioni generali sull’allargamento del fronte. Il 61% di entrambi i gruppi è fortemente preoccupato per le possibili ingerenze che gruppi militari esteri possano avere nel conflitto. Questa opinione trova fondo di verità nel coinvolgimento che Hezbollah sta avendo recentemente nelle operazioni belliche di Hamas, ma anche negli attacchi diretti tra Iran e Israele.

Tutto ciò dimostra che, nonostante le sue forti dichiarazioni nella sua ultima intervista, la volontà di Netanyahu di mantenere un controllo sine die dell’enclave palestinese trova un’opinione pubblica pronta a supportarlo nelle sue scelte, nonostante le difficoltà politiche che il premier israeliano sta riscontrando.

Ultime notizie