martedì, 28 Maggio 2024

Torino, Salone del Libro: Stefano Massini aggredito per il suo libro su Hitler

Momenti di tensione al Salone del Libro di Torino, dove lo scrittore Stefano Massini è stato aggredito durante la presentazione della sua versione del 'Mein Kampf'. L'autore, ospite della manifestazione, è stato insultato e strattonato da un uomo di circa settant'anni, che aveva assistito alla sua partecipazione al programma "Che tempo che fa" condotto da Fabio Fazio.

Da non perdere

Momenti di tensione al Salone del Libro di Torino, dove lo scrittore Stefano Massini è stato aggredito durante la presentazione della sua versione del ‘Mein Kampf’. L’autore, ospite della manifestazione, è stato insultato e strattonato da un uomo di circa settant’anni, che aveva assistito alla sua partecipazione al programma “Che tempo che fa” condotto da Fabio Fazio.

Massini ha raccontato all’Adnkronos che l’aggressore lo ha avvicinato mentre era sotto al palco, pronto a salire sulla pedana. L’uomo ha iniziato a criticarlo dicendo: “Così è facile, andare a sparlare di Hitler senza un contraddittorio”. Seduto in prima fila, ha continuato a borbottare e a dissentire durante tutta la presentazione, offendendo Massini con frasi come “sei un buffone” e “sei un comunista”.

Al termine dell’incontro, l’aggressore ha preso Massini per la manica della giacca, urlandogli che “faceva schifo” e accusandolo di riscrivere la storia. Nonostante l’intervento del servizio d’ordine, l’uomo ha continuato a strattonare e spintonare lo scrittore. Massini ha dichiarato di non avere intenzione di sporgere denuncia al momento, nonostante le pressioni ricevute da amici e colleghi per non minimizzare l’accaduto. “Mi piacerebbe dire che l’ho trovato poco lucido, ma non è così: uno che usa l’espressione ‘mancanza di contraddittorio’ sembra decisamente lucido,” ha commentato Massini.

L’episodio ha suscitato preoccupazione e sdegno tra i presenti e ha evidenziato ancora una volta le tensioni che possono emergere durante eventi culturali e dibattiti su temi storici sensibili.

Ultime notizie