lunedì, 20 Maggio 2024

David di Donatello 2024, Cortellesi e “Io Capitano” dominano la serata

Cortellesi ha fatto incetta di premi, dimostrando il suo talento sia davanti che dietro la macchina da presa

Da non perdere

La notte del cinema italiano è stata illuminata dalle stelle al 69º Premio David di Donatello, con la talentuosa attrice e regista Cortellesi e il film “Io Capitano” che hanno dominato la scena, portando a casa un’incredibile serie di riconoscimenti.

Cortellesi ha fatto incetta di premi, dimostrando il suo talento sia davanti che dietro la macchina da presa. Ha conquistato il cuore del pubblico, aggiudicandosi il David dello spettatore per il record di presenze in sala e il prestigioso premio come miglior attrice protagonista per il suo ruolo indimenticabile. Ma non è finita qui: il suo debutto alla regia è stato accolto con plauso, portando a casa il premio per il miglior esordio alla regia e per la sceneggiatura originale, condivisa con Furio Andreotti e Giulia Calenda.

“Io Capitano”, diretto con maestria da Matteo Garrone, ha lasciato il segno, trionfando come miglior film e portando Garrone alla vittoria come miglior regista. Il film è stato elogiato per la sua rilevanza e attualità, affrontando temi importanti come il mondo del lavoro e le sfide della società contemporanea.

Tra gli attori, Michele Riondino e Elio Germano hanno ricevuto meritati riconoscimenti per le loro straordinarie performance in “Palazzina Laf“, mentre Diodato ha emozionato il pubblico con la sua canzone originale “La mia terra”, portando a casa il premio corrispondente.

Ma i premi non sono stati riservati solo agli attori e ai registi: il talento dietro le quinte è stato celebrato con Paolo Carnera premiato per la Miglior fotografia e i Subsonica per la migliore colonna sonora con “Adagio”.

La serata è stata impreziosita da premi speciali, inclusi quelli alla carriera per la leggendaria Milena Vukotic e il rinomato compositore Giorgio Moroder. Momenti toccanti hanno arricchito l’atmosfera, con discorsi commoventi come quello di Vincenzo Mollica, che ha condiviso il suo amore per il giornalismo e l’importanza della curiosità e dell’ascolto.

In conclusione, il 69º Premio David di Donatello è stato un trionfo per il cinema italiano, celebrando il talento e l’impegno di tutti coloro che contribuiscono a rendere grande il nostro cinema nazionale.

Ultime notizie