lunedì, 15 Aprile 2024

Nuovo Codice della Strada, via libera alla Camera per il ddl: Salvini soddisfatto, ma critiche dall’opposizione

Con un voto favorevole di 163 contro 107 contrari, l'Aula della Camera dei Deputati ha dato il via libera al disegno di legge sul Codice della Strada. L'approvazione segna un importante passo avanti nella normativa italiana sulla sicurezza stradale, con il provvedimento ora diretto all'esame del Senato.

Da non perdere

Con un voto favorevole di 163 contro 107 contrari, l’Aula della Camera dei Deputati ha dato il via libera al disegno di legge sul Codice della Strada. L’approvazione segna un importante passo avanti nella normativa italiana sulla sicurezza stradale, con il provvedimento ora diretto all’esame del Senato.

Il Vicepremier e Ministro degli Interni, Matteo Salvini, ha espresso “grande soddisfazione” per il risultato ottenuto, sottolineando la determinazione del governo nel salvaguardare vite attraverso le nuove disposizioni proposte.

Tuttavia, non tutte le voci sono unanimi. L’opposizione ha sollevato critiche significative riguardo al provvedimento proposto dal Ministro Salvini. Andrea Casu, esponente del Partito Democratico, ha dichiarato che il loro voto contrario riflette la mancanza di attenzione verso il futuro della mobilità e la sicurezza stradale. Casu ha citato una serie di lacune nel ddl, tra cui la mancata presa in considerazione delle richieste delle famiglie delle vittime della strada, l’assenza di misure efficaci sulla velocità, sull’uso dello smartphone alla guida e sulla promozione della mobilità sostenibile.

Nonostante alcuni emendamenti positivi che sono stati accettati, Casu ha ribadito l’importanza di affrontare questi temi in modo più incisivo. In particolare, ha evidenziato la necessità di includere dispositivi per la sicurezza degli utenti vulnerabili, come i pedoni e i ciclisti, e di promuovere una maggiore educazione stradale.

Parallelamente all’approvazione del Codice della Strada, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha reso noto l’approvazione della bozza del decreto autovelox. Questo decreto mira a regolare l’utilizzo dei dispositivi di rilevamento della velocità, garantendo un’adeguata sicurezza stradale e prevenendo gli incidenti.

Il confronto con le associazioni ANCI e UPI ha contribuito alla definizione dei contenuti del decreto, con molte delle modifiche richieste che sono state accolte.

In conclusione, il dibattito sul Codice della Strada in Italia riflette una serie di opinioni contrastanti e il complesso equilibrio tra sicurezza stradale e necessità di mobilità efficiente. Con il provvedimento ora diretto al Senato, si aprono nuove prospettive di discussione e confronto sulle misure da adottare per migliorare la qualità e la sicurezza della vita stradale nel paese.

Ultime notizie