martedì, 16 Aprile 2024

Napoli, condannato a 20 anni il killer di Giogiò Cutolo: tensioni fuori dal tribunale

La sentenza nel processo per l'omicidio di Giovan Battista Cutolo, il talentuoso musicista di 24 anni dell'orchestra Scarlatti di Napoli ucciso lo scorso 31 agosto in piazza Municipi, è stata emessa oggi, portando alla condanna del 17enne accusato di aver sparato.

Da non perdere

La sentenza nel processo per l’omicidio di Giovan Battista Cutolo, il talentuoso musicista di 24 anni dell’orchestra Scarlatti di Napoli ucciso lo scorso 31 agosto in piazza Municipi, è stata emessa oggi, portando alla condanna del 17enne accusato di aver sparato. Il giovane dovrà scontare il massimo della pena prevista per i minorenni: 20 anni di carcere. La decisione è stata presa dal gup del tribunale per i Minorenni di Napoli, Umberto Lucarelli, accogliendo la richiesta dell’accusa.

L’accusa ha descritto l’omicidio come volontario e senza alcuna motivazione, ricostruzione condivisa dal giudice che, con rito abbreviato, ha condannato il giovane imputato. La richiesta di messa alla prova avanzata dall’avvocato del giovane è stata rigettata dal giudice.

All’esterno del tribunale, si sono verificati momenti di tensione quando alcuni familiari del 17enne hanno attaccato verbalmente gli amici della vittima che erano presenti in attesa del verdetto. Gli insulti sono stati ricambiati con cori in memoria del giovane musicista. Le forze dell’ordine sono intervenute prontamente per calmare la situazione, evitando ulteriori scontri.

La madre di Giogiò, Daniela Di Maggio, ha commentato l’esito della sentenza dicendo: “Almeno è stata rigettata la richiesta di messa alla prova. La nostra è solo una richiesta di giustizia, altrimenti sarà rivoluzione”.

Questa sentenza, sebbene possa portare una parvenza di giustizia per la famiglia della vittima, non cancella il dolore e la perdita di una giovane vita.

Ultime notizie