lunedì, 15 Aprile 2024

Ucraina, i ribelli pro-Kiev assaltano Belgorod: Russia sotto pressione

La Legione Russia Libera è composta da soldati russi che combattono al fianco delle forze ucraine di Kiev.

Da non perdere

In un’escalation di tensioni, un’operazione condotta dai ribelli russi pro-Kiev ha scosso le regioni di Belgorod e Kursk, al confine con l’Ucraina. Video pubblicati da diversi account su un noto social network mostrano tank con le bandiere della Legione Russia Libera che, secondo quanto riportato, sarebbero entrati simultaneamente nella regione di Belgorod e Kursk provenienti dall’Ucraina.

La Legione Russia Libera è composta da soldati russi che combattono al fianco delle forze ucraine di Kiev. Si ritiene che operino anche altri due gruppi paramilitari, il Corpo Volontario Russo ed il Battaglione Siberiano. Secondo alcune fonti pro-Kiev, il villaggio al confine di Lozovaya Rudka sarebbe già sotto il controllo di queste “forze di liberazione”, mentre si segnalano combattimenti in corso a Tyotkino.

Tuttavia, le forze russe hanno respinto le affermazioni dei ribelli pro-Kiev, sostenendo di aver respinto un attacco condotto da “un gruppo di sabotatori ucraini” nella regione di Kursk. Il governatore Roman Starovoyt ha annunciato su Telegram che i “sabotatori” hanno tentato di penetrare a Tyotkino. “C’è stato un tentativo da parte di un gruppo di sabotatori di sfondare nel villaggio di Tyotkino, c’è stato uno scontro a fuoco ma non c’è stata alcuna svolta,” ha dichiarato Starovoit.

Questo recente sviluppo alimenta ulteriori tensioni tra Russia e Ucraina, con le autorità russe che accusano Kiev di provocazioni alla frontiera. La comunità internazionale rimane in allerta mentre la situazione continua a evolversi nella regione.

Ultime notizie