lunedì, 15 Aprile 2024

L’Aquila, terrorismo internazionale: arrestati tre palestinesi

La polizia ha arrestato tre palestinesi residenti a L'Aquila, accusati di associazione con finalità terroristiche, comprese attività di proselitismo e propaganda per l'associazione, nonché la pianificazione di attentati, inclusi quelli kamikaze, contro obiettivi civili e militari all'estero.

Da non perdere

La polizia ha arrestato tre palestinesi residenti a L’Aquila, accusati di associazione con finalità terroristiche, comprese attività di proselitismo e propaganda per l’associazione, nonché la pianificazione di attentati, inclusi quelli kamikaze, contro obiettivi civili e militari all’estero. Gli arresti sono avvenuti in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip distrettuale di L’Aquila, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia dell’Aquila, in coordinamento con la procura nazionale antimafia e antiterrorismo.

Le indagini condotte dagli investigatori della digos de L’Aquila e del Servizio per il contrasto all’estremismo e al terrorismo internazionale della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, hanno rivelato la presenza di una struttura operativa militare chiamata ‘Gruppo di Risposta Rapida-Brigate Tulkarem’, che fa parte delle ‘Brigate dei Martiri di Al-Aqsa’. Questa organizzazione è stata riconosciuta come terroristica dall’Unione Europea. Si sospetta che il gruppo abbia intenzioni violente e sia coinvolto in atti di terrorismo, inclusi quelli rivolti contro uno Stato estero.

Inoltre, uno dei tre arrestati è soggetto a una procedura di estradizione richiesta dalle autorità israeliane, in corso presso la Corte di Appello di L’Aquila.

Questo ennesimo arresto testimonia il duro lavoro delle forze dell’ordine nel contrastare il terrorismo internazionale e proteggere la sicurezza pubblica. L’operazione dimostra l’importanza della cooperazione internazionale nel contrastare le organizzazioni terroristiche e garantire la sicurezza globale.

Ultime notizie