lunedì, 15 Aprile 2024

Caso Regeni, a processo gli 007 egiziani: Genitori: “Otto Anni di Attesa”

Finalmente portati alla prima udienza del processo i quattro agenti della National Security egiziana accusati del sequestro e dell’omicidio. L'evento ha avuto luogo oggi, 20 febbraio, davanti alla Prima Corte d’Assise di Roma.

Da non perdere

La lunga attesa per la giustizia nel caso di Giulio Regeni, il ricercatore italiano rapito e ucciso in Egitto nel 2016, ha finalmente portato alla prima udienza del processo ai quattro agenti della National Security egiziana accusati del sequestro e dell’omicidio. L’evento ha avuto luogo oggi, 20 febbraio, davanti alla Prima Corte d’Assise di Roma.

Tra i nomi presenti nelle liste dei testi depositate dalle parti figurano quelli di figure politiche di rilievo come il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi, l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, e l’ex ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. La famiglia Regeni è rappresentata dagli avvocati Alessandra Ballerini e Giacomo Satta, che hanno ribadito l’importanza di questo momento dopo otto anni di lotta per la verità e la giustizia.

Durante la prima udienza, i difensori dei quattro agenti egiziani imputati hanno sollevato diverse eccezioni preliminari, lasciando la decisione finale ai giudici, prevista per il prossimo 18 marzo.

Giulio Regeni, all’epoca 28enne, scomparve al Cairo il 25 gennaio 2016 mentre svolgeva ricerche per la sua tesi di dottorato sull’attivismo sindacale in Egitto. Il suo corpo fu ritrovato una settimana dopo, il 1 febbraio 2016, con evidenti segni di tortura.

Il processo arriva dopo una serie di ostacoli e difficoltà, compresa la mancanza di cooperazione da parte delle autorità egiziane. Nonostante ciò, la Procura di Roma è riuscita ad incriminare i quattro agenti egiziani, aprendo la strada per un processo che si è ora ufficialmente avviato grazie anche alla decisione della Corte Costituzionale che ha permesso di procedere anche in assenza degli imputati.

Il processo rappresenta un importante passo avanti nella ricerca di giustizia per Giulio Regeni e la sua famiglia, che ora attendono con speranza e determinazione l’esito di questa lunga battaglia legale.

Ultime notizie