domenica, 14 Aprile 2024

Paolo Benvegnù, fuori oggi l’album “È inutile parlare d’amore”: si aggiungono 2 date al tour che parte domani

Questo disco, insieme ai brani che hanno segnato la trentennale carriera del cantautore, verrà presentato dal vivo nel tour “È INUTILE PARLARE D’AMORE – LIVE 2024” che parte domani, sabato 20 gennaio, dal Glue di Firenze e a cui si aggiungono due nuove date.

Da non perdere

Esce oggi in versione CD e vinile il nuovo album di inediti di PAOLO BENVEGNÙ “È INUTILE PARLARE D’AMORE” (Woodworm / distribuito da Universal Music Italia -), già disponibile su tutte le piattaforme digitali.

Questo disco, insieme ai brani che hanno segnato la trentennale carriera del cantautore, verrà presentato dal vivo nel tour “È INUTILE PARLARE D’AMORE – LIVE 2024” che parte domani, sabato 20 gennaio, dal Glue di Firenze e a cui si aggiungono due nuove date.

Queste le date annunciate ad ora del tour organizzato da Magellano Concerti e prodotto da Officine della Cultura e Whodo:

Sabato 20 gennaio 2024  – Glue – FIRENZE

Giovedì 8 febbraio 2024  –  Hiroshima Mon Amour –  TORINO

Venerdì 9 febbraio 2024  – Latteria Molloy – BRESCIA

Giovedì 22 febbraio  – Monk – ROMA

Venerdì 23 febbraio  –  Arci Kalinka Dude  –  SOLIERA (MO)

Sabato 16 marzo 2024 – Sala Don Bosco – MAROSTICA (VI) – Nuova data

Sabato 6 aprile 2024 – La Darsena Live – CASTIGLIONE DEL LAGO (PG) – Nuova data

I biglietti per i concerti di Torino, Brescia, Roma, Soliera (MO) e Marostica (VI) sono già disponibili in prevendita.
La data di Firenze è ad ingresso gratuito con tessera annuale.
Per le info sui biglietti di Castiglione del Lago: http://www.darsena.eu.
Per tutte le info: www.magellanoconcerti.it

“È INUTILE PARLARE D’AMORE”, anticipato dal singolo “Canzoni brutte” e contenente due speciali collaborazioni con BRUNORI SAS nel brano “L’oceano” e NERI MARCORÈ in “27/12”, segue la pubblicazione dell’EP “SOLO FIORI”, che è valso a Benvegnù un grande plauso da parte della critica e la presenza nella cinquina di finalisti delle Targhe Tenco 2023 nella categoria “Migliore canzone singola”.
Se quest’ultimo era una sorta di raccolta di racconti anticipatori, un cortometraggio possiamo dire, il nuovo album, spiega Benvegnù,  «è un vero e proprio romanzo di formazione, la sceneggiatura di un film che nessuno girerà e di cui nessuno sentiva il  bisogno. Ogni atto di costruzione gratuito, del resto, in un mondo intriso di pragmatismo e di volontà di posizione, è un atto inutile. Tutto ciò che non è visto è inutile».
E c’è, chiaramente e dichiaratamente, una connessione, un fil-rouge, tra “SOLO FIORI” e “È INUTILE PARLARE D’AMORE”: nel pragmatismo post-moderno che viviamo, l’amore è inutile come guardare e donare fiori. Siamo schiacciati da altro. Aquiloni fermi a terra. Motori immobili. L’unica libertà, presente e futura, sta nell’inutilità. Dell’amare. Dell’essere. Più inutili si è, più si è liberi.

Come in un romanzo sul presente, che molto somiglia al futuro prossimo, questa raccolta di canzoni muove un interrogativo: esiste una Praticità, nell’Astratto, nell’Irrazionale, nell’Amore?

In una società dove l’essere umano assomiglia sempre più all’operatore di una macchina, oppure al funzionario di un apparato algoritmico, ad uno statistico della ragione, quale è il significato della poesia, della creazione, dell’amore?
Se è vero che amore è intercettare ed incorporare la follia dell’altro, allora dal punto di vista funzionale, esso è inutile.

Eppure ogni essere umano si muove esclusivamente per amore. Amore di appartenenza, amore sensuale, amore disincantato ed amore indifferente. amore di possesso e di pudicizia, amore senza vergogna, amore omicida.

C’è una strana dispersione, tra il modello della società tecnologica e funzionale e l’intreccio delle mani di due amanti. come la discrepanza tra un mondo patriarcale ed una visione delle cose legata al femminile. Questo è un disco che privilegia la creazione. e non lo sfruttamento e l’ammaestramento della creatura. Perché per creare, bisogna sporgersi nell’irrazionale, e l’irrazionale è solo di chi crea naturalmente. Perciò questo è un racconto al femminile.
Così, in questo disco si afferma che amare senza soluzione è sovversivo, rivoluzionario, antistorico e meravigliosamente arcaico e modernissimo. Forse l’unica libertà presente e futura.

In “Fahreneit 451”, un gruppo di uomini si tramanda a memoria le opere letterarie del passato, segretamente, visto che la lettura è diventata un crimine capitale.
Seguendo quell’esempio, bisognerebbe spiegare ai nostri figli che amare senza condizioni sia l’unico modo per tornare all’uomo, che è soggiogato dalla tecnologia, dalla persuasione fidelizzata, dall’immanenza delle immagini.
“È INUTILE PARLARE D’AMORE” è un disco che indaga sulla potenza dell’immaginazione, dell’istinto, del pre-pensiero, dell’accudimento verso l’altro che sono presenti in tutti gli esseri umani.

Ci sono tre parole che raccontano perfettamente chi è PAOLO BENVEGNÙ e sono CANTAUTORE (per la Treccani “cantante di musica leggera che interpreta brani scritti o musicati da lui stesso. Il termine cantautore entrò in voga in Italia agli inizi degli anni 1960, quando alla canzone di intrattenimento e di largo consumo si cominciò a contrapporre una nuova forma, capace di affrontare tematiche non soltanto ‘le

Ultime notizie