lunedì, 20 Maggio 2024

Gaza, continuano gli scontri Israele-Hamas a Khan Younis: ritrovati ostaggi morti

Le attuali collisioni hanno causato vittime, con almeno cinque morti segnalati.

Da non perdere

La situazione a Khan Younis, nella Striscia di Gaza, rimane tesa con pesanti scontri tra l’esercito israeliano e i miliziani di Hamas, come riportato da Al Jazeera. Prima degli scontri attuali, la città aveva subito intensi bombardamenti vicino a una scuola dell’UNRWA, dove si erano rifugiati molti sfollati. Le attuali collisioni hanno causato vittime, con almeno cinque morti segnalati.

L’esercito israeliano ha condotto operazioni nel quartiere di Shujaiya, a est di Gaza City. Secondo il portavoce dell’IDF Avichay Adraee, l’esercito ha distrutto il quartier generale di un battaglione legato a Hamas e un tunnel. Inoltre, un “sabotatore” sarebbe stato ucciso nel tentativo di lanciare un ordigno esplosivo.

In uno sviluppo separato, le IDF hanno recuperato i corpi di tre persone che erano state prese in ostaggio. Elia Toledano, un civile di 28 anni, era stato rapito l’7 ottobre durante un attacco al festival musicale Supernova vicino al Kibbutz Re’im. Il suo corpo è stato trovato durante un’operazione militare a Gaza. Due soldati israeliani, il Caporale Nick Beizer e il Sergente Ron Sherman, entrambi di 19 anni, rapiti da Hamas, hanno avuto i loro corpi recuperati a Gaza.

Il conflitto ha causato la morte di un altro soldato israeliano, il Sergente Oz Shmuel Aradi, 19 anni, portando a 117 il numero totale di militari caduti dall’inizio del conflitto. Quattro soldati di riserva sono stati anche gravemente feriti negli scontri di ieri nella Striscia di Gaza.

La situazione rimane fluida e contrassegnata da ostilità in corso, presentando significativi ostacoli agli sforzi volti alla de-escalation e al raggiungimento di una risoluzione duratura del conflitto israelo-palestinese.

Ultime notizie