giovedì, 29 Febbraio 2024

Blocchi Repubblicani al Senato USA, stop agli aiuti per Ucraina: Biden “Affrontare la minaccia Putin”

Il blocco al Senato evidenzia le divisioni interne riguardo alla destinazione degli aiuti e solleva preoccupazioni sulle tempistiche critiche per fornire sostegno all'Ucraina di fronte all'aggressione russa.

Da non perdere

Nel contesto delle crescenti tensioni geopolitiche legate all’invasione russa in Ucraina, i repubblicani del Senato USA hanno effettuato un blocco sul pacchetto di aiuti militari destinati a Ucraina, Israele e Taiwan. La loro argomentazione si basa sulla necessità di rafforzare gli investimenti nella sicurezza del confine, sottolineando un cambiamento di priorità.

Il voto rappresenta una sfida significativa, poiché aumenta la possibilità che il Congresso non riesca ad autorizzare i 61 miliardi di dollari di aiuti a Kiev entro la fine dell’anno. La Casa Bianca ha sollecitato l’approvazione di questi fondi, avvertendo che sono esauriti i mezzi finanziari disponibili per sostenere l’Ucraina contro l’aggressione russa.

Le regole del Senato richiedono che una legge venga sottoposta a una votazione procedurale, con almeno 60 voti favorevoli prima di procedere al voto effettivo. Oltre ai 61 miliardi destinati all’Ucraina, il pacchetto comprende anche 10 miliardi di dollari per sostenere Israele nel conflitto con Hamas.

Il senatore liberale Bernie Sanders ha espresso il suo voto contrario, affermando che non è accettabile continuare a erogare fondi senza restrizioni al governo di estrema destra di Benjamin Netanyahu, specialmente considerando l’aumento delle vittime civili a Gaza. Sanders ha condannato le azioni del governo israeliano, definendole immorali e in violazione delle leggi internazionali, sottolineando che gli Stati Uniti non dovrebbero essere complici di tali azioni.

Il blocco al Senato evidenzia le divisioni interne riguardo alla destinazione degli aiuti e solleva preoccupazioni sulle tempistiche critiche per fornire sostegno all’Ucraina di fronte all’aggressione russa.

Presidente Biden esorta il congresso a superare l’impasse sugli aiuti e affrontare la minaccia di Putin

Prima del voto critico al Congresso sul pacchetto di aiuti militari, il presidente Joe Biden ha fatto un appello urgente affinché il Congresso approvi i fondi destinati a Ucraina, Israele e Taiwan. Ha sottolineato l’importanza di evitare che Vladimir Putin traggia vantaggio dalla situazione, mettendo in guardia contro le possibili conseguenze di una mancata risposta unita.

Nel tentativo di superare l’impasse, Biden si è dichiarato pronto a fare “significativi compromessi sul confine”, evidenziando la sua volontà di negoziare per trovare una soluzione condivisa. Ha tuttavia criticato i repubblicani, accusandoli di adottare un approccio ‘tutto o niente’ sull’immigrazione e sottolineando la necessità di un approccio bipartisan nei negoziati.

Il presidente degli Stati Uniti ha espresso chiaramente le preoccupazioni riguardo alle azioni future di Putin, avvertendo che se la Russia conquisterà l’Ucraina, potrebbe successivamente attaccare un alleato della NATO, coinvolgendo gli Stati Uniti in un conflitto bellico. Biden ha sfidato il Congresso, chiedendo chi è disposto a chiamare Putin a rispondere delle proprie responsabilità di fronte alla comunità internazionale.

“Non possiamo lasciare che Putin vinca, è nel nostro preponderante interesse nazionale e nell’interesse internazionale di tutti i nostri amici”, ha dichiarato Biden, sottolineando la necessità di mantenere la coesione e la solidarietà in risposta alla minaccia russa.

Il presidente statunitense ha inoltre criticato i repubblicani al Congresso, accusandoli di mettere in pericolo la sicurezza nazionale con un atteggiamento estremista. Ha affermato che tali repubblicani stanno “giocando a sfidare la nostra sicurezza nazionale” e “tengono in ostaggio i finanziamenti dell’Ucraina”. L’aspetto finanziario è particolarmente rilevante, considerando il rischio che l’Ucraina potrebbe affrontare senza il sostegno finanziario urgente promesso dal pacchetto di aiuti. La situazione rimane tesa mentre il Congresso cerca di trovare un terreno comune in risposta alle complesse sfide geopolitiche in corso.

Ultime notizie