giovedì, 29 Febbraio 2024

Morte di Giulia Cecchettin, continuano le indagini: i dettagli confessati da Turetta

La prossima settimana, i carabinieri del Ris di Parma avvieranno le analisi sull'auto guidata da Turetta, sul coltello e sul nastro adesivo sequestrato, oltre ad altri elementi cruciali per l'inchiesta.

Da non perdere

Nonostante la confessione dettagliata di Filippo Turetta, la Procura di Venezia continua a indagare a fondo sul delitto, con particolare attenzione alla possibilità di aggravanti come premeditazione e crudeltà. La prossima settimana, i carabinieri del Ris di Parma avvieranno le analisi sull’auto guidata da Turetta, sul coltello e sul nastro adesivo sequestrato, oltre ad altri elementi cruciali per l’inchiesta.

In un raro incontro dietro le sbarre, i genitori di Filippo e lo stesso detenuto hanno discusso di vari aspetti, ma sembra che il motivo dell’omicidio non sia stato al centro della conversazione. Mamma e papà Turetta potrebbero faticare a capire il perché del gesto, a smettere di chiedersi dove abbiano potuto commettere errori e a non essere giudicati come i genitori di un “mostro.” Potrebbe anche essere difficile per loro chiedere scusa, ancora una volta, alla famiglia di Giulia.

Gino Cecchettin, il padre di Giulia, ha precedentemente chiesto di evitare parole d’odio verso nessuno, un appello che potrebbe ripetere nel giorno dei funerali della giovane. La Basilica di Santa Giustina a Padova, dove si terranno i funerali martedì 5 dicembre, è pronta ad accogliere circa 10.000 persone. In Veneto e all’Università di Padova, dove Giulia avrebbe dovuto discutere la tesi in Ingegneria Biomedica, saranno osservati il lutto regionale e la sospensione delle lezioni mattutine.

Gino sta preparando un discorso per la cerimonia, cercando di scegliere con cura le parole da pronunciare in una chiesa gremita e in una piazza antistante attrezzata con due maxischermi. L’invito alla partecipazione è esteso a tutti, non solo per ricordare Giulia, ma anche per non dimenticare tutte le donne uccise da uomini. Dopo i funerali, la bara della 22enne sarà trasferita a Saonara, dove si terrà un’altra cerimonia religiosa più intima, prima della sepoltura nel piccolo cimitero cittadino in provincia di Padova, accanto alla madre Monica, deceduta poco più di un anno fa.

Ultime notizie