venerdì, 19 Aprile 2024

Filippo Turetta, l’accusato dell’omicidio di Giulia Cecchettin è tornato in Italia: trasferimento sotto stretta sorveglianza a Verona

Filippo Turetta, il 21enne accusato dell'omicidio della sua ex fidanzata Giulia Cecchettin, è giunto oggi in Italia in un trasferimento che ha attirato l'attenzione nazionale.

Da non perdere

Filippo Turetta, il 21enne accusato dell’omicidio della sua ex fidanzata Giulia Cecchettin, è giunto oggi in Italia in un trasferimento che ha attirato l’attenzione nazionale. Il giovane, detenuto in Germania, è stato riportato nel nostro Paese con un volo militare che ha fatto scalo a Francoforte prima di atterrare a Venezia intorno alle 11.

Durante il volo, Turetta ha mantenuto un atteggiamento silenzioso e rassegnato, secondo testimoni a bordo. Il giovane non ha pronunciato una sola parola, mantenendo lo sguardo basso e apparendo disinteressato. Nessun segno di nervosismo o emozione è stato evidenziato durante il trasferimento.

Il prossimo passo per Turetta sarà il trasferimento al carcere Montorio di Verona, nel quale sarà inserito nel reparto protetti. Questa precauzione è presa per ragioni di sicurezza, al fine di evitare possibili ritorsioni o disordini all’interno del carcere, considerando l’ampia copertura mediatica del caso.

Una volta giunto all’aeroporto di Venezia, Turetta sarà sottoposto a una serie di procedure, inclusa una visita in infermeria per valutare le sue condizioni di salute. Successivamente, saranno seguite le procedure burocratiche dell’ufficio matricole prima che il giovane sia condotto nella sua cella nel reparto protetti.

All’interno del carcere, Turetta sarà tenuto in isolamento e sorvegliato 24 ore su 24 per prevenire eventuali comportamenti autolesivi. La sua cella sarà spoglia, misurando due metri per tre. I primi a poterlo incontrare saranno i suoi difensori, gli avvocati Giovanni Caruso ed Emanuele Compagno. Gli incontri con i genitori, Nicola e Elisabetta, saranno autorizzati successivamente, probabilmente dopo l’interrogatorio di garanzia previsto per l’inizio della prossima settimana.

Ultime notizie