lunedì, 20 Maggio 2024

La Malaysia abolirà la pena di morte per alcuni reati gravi

La Malaysia ha deciso di abolire la pena di morte obbligatoria per una serie di reati gravi. La riforma permetterà ad alcuni dei 1.300 prigionieri nel braccio di chiedere una revisione della condanna.

Da non perdere

Nella giornata di ieri, lunedì 3 aprile 2023 il parlamento della Malaysia ha approvato radicali riforme legali per rimuovere la pena di morte obbligatoria, con l’intento di ridurre il numero di abolire anche le condanne all’ergastolo. Una mossa accolta con cautela dai gruppi sostenitori dei diritti umani.

La Malaysia ha una moratoria sulle esecuzioni dal 2018, quando ha promesso per la prima volta di abolire completamente la pena capitale.

Il Governo, tuttavia, ha subito pressioni politiche da parte di alcuni partiti e un anno dopo ha affermato che avrebbe mantenuto la pena di morte, ma consentendo ai tribunali di sostituirla con altre punizioni a loro discrezione.

Emendamenti e nuova pena detentiva

In base agli emendamenti approvati, le alternative alla pena di morte comprendono la fustigazione e la reclusione da 30 a 40 anni. La nuova pena detentiva sostituirà tutte le precedenti disposizioni che prevedevano la reclusione per tutta la vita del reo.

Le condanne all’ergastolo, definite dalla legge malese come una durata fissa di 30 anni, saranno mantenute.

La pena capitale sarà inoltre rimossa come opzione per alcuni reati gravi che non causano la morte, come lo sparo e il traffico di armi da fuoco e il sequestro di persona. Gli emendamenti approvati si applicano a 34 reati attualmente punibili con la morte, tra cui omicidio e traffico di droga. Undici di questi riportano la condanna a morte come punizione obbligatoria.

La mossa della Malaysia arriva proprio mentre alcuni vicini del sud-est asiatico hanno intensificato l’uso della pena capitale. Singapore solo lo scorso anno ha giustiziato 11 persone per reati di droga. Myanmar, governata dai militari, ha eseguito le sue prime condanne a morte dopo decenni contro quattro attivisti anti-giunta.

Dichiarazioni viceministro della giustizia

Il viceministro della giustizia malese Ramkarpal Singh ha affermato che la pena capitale è una sentenza irreversibile, oltre che un deterrente inefficace. “La pena di morte non ha prodotto i risultati che avrebbe dovuto portare”, ha affermato, concludendo i dibattiti parlamentari sulle misure.

Più di 1.300 persone che rischiano la pena di morte o la reclusione a vita – comprese quelle che hanno esaurito tutti gli altri ricorsi legali – possono chiedere una revisione della condanna in base alle nuove regole.

Dichiarazioni di Dobby Chew

Dobby Chew, coordinatore esecutivo dell’Anti-Death Penalty Asia Network, ha affermato che l’approvazione degli emendamenti è stato un buon primo passo verso l’abolizione totale della pena capitale.

“Per la maggior parte, siamo sulla strada giusta per la Malesia: è una riforma che è arrivata da molto tempo”, ha dichiarato Chew. “Non dovremmo negare il fatto che lo Stato stia uccidendo qualcuno – ha proseguito – e se lo Stato debba avere questo tipo di potere… L’abolizione della pena obbligatoria è un buon momento per iniziare a rifletterci”.

“In sostanza, ora abbiamo ristretto la nostra pena di morte a soli tre gruppi principali di reati: omicidio, traffico di droga e tradimento”, ha affermato Dobby Chew dell’ADPAN. “Questo è un buon primo passo in avanti. Porta la Malaysia in linea con gli standard internazionali dei paesi che mantengono la pena di morte”.

Analisi del disegno di legge

Il parlamento malese ha approvato un disegno di legge che eliminerebbe le condanne a morte obbligatorie per una serie di reati gravi nell’ambito di riforme ad ampio raggio, portando possibili rinvii a più di 1.300 prigionieri nel braccio della morte.

Anche l’ergastolo, in cui i detenuti sono costretti a vivere dietro le sbarre fino alla morte, verrà sostituito con pene detentive da 30 a 40 anni.

Singh ha definito le riforme un significativo passo avanti per il sistema di giustizia penale malese. Una revisione di questa sentenza riflette l’impegno del Governo di essere sempre aperto al rinnovo e al miglioramento della legislazione e della giustizia in questo Paese.

Cosa succederà dopo che il disegno di legge entrerà in vigore?

Singh ha definito le riforme un significativo passo avanti per il sistema di giustizia penale malese. Stando al coordinatore nel braccio della morte attualmente ci sarebbero 1.318 persone, di cui 842 che hanno esaurito tutte le vie di ricorso. La maggior parte dei casi è legata al traffico di droga. Una volta che il disegno di legge entrerà in vigore, i detenuti avranno 90 giorni per presentare una revisione delle loro sentenze, ma non delle loro condanne.

Una revisione di questa sentenza riflette l’impegno del Governo ad essere sempre aperto nel rinnovare e migliorare la legislazione e la giustizia di questo Stato. É stato sottolineato che i tribunali hanno ancora il potere di confermare una pena di morte dopo aver rivisto la condanna di un prigioniero. Il disegno di legge dovrebbe essere approvato dalla camera alta e dal re e diventare legge.

La Malaysia ha una moratoria sull’impiccagione dal 2018. L’anno scorso il Governo ha anche proposto di abolire le condanne a morte obbligatorie, ma la mossa è stata respinta dopo lo scioglimento del Parlamento per le elezioni generali. Gli stranieri rappresentano più di 500 di quelli nel braccio della morte, secondo l’Anti-Death Penalty Asia Network.

Il disegno di legge deve ancora essere approvato dalla Camera alta e dal re, ma ci sono ottime possibilità che diventi legge. La Malesia ha una moratoria sull’impiccagione dal 2018. L’anno scorso il Governo ha anche proposto di abolire le condanne a morte obbligatorie, ma la mossa è stata respinta dopo lo scioglimento del parlamento per le elezioni generali.

“In sostanza, ora abbiamo ristretto la nostra pena di morte a soli tre gruppi principali di reati: omicidio, traffico di droga e tradimento”, ha affermato Dobby Chew dell’ADPAN. “Questo è un buon primo passo in avanti. Porta la Malaysia più in linea con gli standard internazionali per quei Paesi che mantengono la pena di morte”.

Ultime notizie