domenica, 16 Giugno 2024

Terremoto di magnitudo 4.6 nella provincia di Campobasso

Terremoto di magnitudo 4.6 in Molise, scossa sentita anche in Abruzzo e Campania. Nella notte di martedì 28, nel Molise è stata registrata una scossa di terremoto, con epicentro a Montagano. Nei giorni precedenti sono state già avvertite diverse lievi scosse. Niente danni a persone e cose.

Da non perdere

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.6 è stata registrata alle 23:52 di martedì 28 marzo in provincia di Campobasso, in Molise. Il sisma ha avuto ipocentro a 23 km di profondità ed epicentro nei pressi di Montagano, pochi chilometri da Campobasso. Oltre al Molise, il sisma è stato avvertito anche in alcune zone della Campania, della Puglia, dell’Abruzzo e del Lazio. Non si segnalano danni a persone e a cose.

Gente in strada per la paura

I Comuni entro 20 chilometri dall’epicentro sono, oltre a Montagano, Ripalimosani, Limosano, Sant’Angelo Limosano, Matrice, Petrella Tifernina, Castropignano, Oratino, Fossalto, San Biase, Campobasso, Castellino del Biferno, Campolieto, Torella del Sannio, Lucito e Civitacampomarano. La forte scossa è stata avvertita in tutta la provincia di Benevento. Diverse segnalazioni dai vari comuni del Sannio, ma non registrano al momento danni a persone o cose. Anche nella Campania la scossa è stata percepita, in modo più distinta nei piani alti dei palazzi.

Gli abitanti hanno paura. Nella strada si sono verificate diverse scene di panico, traffico in aumento e le persone sono uscite di casa in pigiama e anche con una valigia. Molte persone hanno deciso di trascorrere la notte fuori casa e hanno sostato nei parcheggi. Alcuni sindaci stanno decidendo la chiusura delle scuole per mercoledì. A Campobasso gli istituti saranno chiusi per verifiche.

Scosse lievi negli ultimi giorni nel Molisano

Da alcuni giorni in Molise la popolazione aveva avvertito diverse scosse di terremoto di lieve entità ma ravvicinate. Il 24 marzo è stata registrata una scossa di magnitudo 3.1 con epicentro a Sant’Elia a Pianisi. È stata preceduta con un sequenza sismica di otto scosse tra Sant’Elia e Ripabottoni. Un’altra con magnitudo 3.0 è stata registrata il 27 marzo a Vastogirardi, a Isernia. È stata preceduta da due scosse, di magnitudo 2.4 e 2.7, con epicentro a Vastogirardi, nella mattina di domenica tra le 6.09 e 6:10. Tutto il territorio molisano è ancora a rischio sismico.

Ultime notizie