lunedì, 15 Aprile 2024

Napoli, non si pesta il piede alle persone sbagliate: 19enne muore inutilmente

La Polizia ha interrogato i testimoni e acquisito le riprese delle videocamere nei pressi dell'omicidio per identificare i responsabili che, data l'assenza di bossoli, hanno utilizzato un revolve

Da non perdere

Si dice sempre di non pestare il piede alle persone sbagliate ed è questo che è successo a Francesco Pio Maimone, 19enne di Pozzuoli in provincia di Napoli. Intorno alle 2.20 di due notti fa davanti ad un chiosco di Mergellina nel capoluogo campano, Francesco è stato coinvolto in una lite che non lo riguardava soltanto per aver pestato un piede.

Francesco pesta un piede e l’altro, senza nemmeno iniziare una discussione, estrae la pistola e gli spara. Non lo colpisce soltanto una volta, ma per ben 3 volte al petto. I conoscenti lo portano subito in ospedale, ma nonostante l’intervento dei medici, il giovane non si riprende e muore. Sull’accaduto sono in corso indagini della Squadra Mobile di Napoli, guidata dal primo dirigente Alfredo Fabbrocini, con il coordinamento del procuratore aggiunto Sergio Amato.

La Polizia ha interrogato i testimoni e acquisito le riprese delle videocamere nei pressi dell’omicidio per identificare i responsabili che, data l’assenza di bossoli, hanno utilizzato un revolver. I poliziotti hanno trovato soltanto un’ogiva e le testimonianze affermano l’esplosione di 2-3 colpi. “Mergellina è terra di nessuno, sparano all’impazzata tra la gente“, commenta il deputato dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, che chiede, ancora una volta, “una risposta da parte dello Stato”. Il deputato dichiara che non è una novità che la zona sia diventato luogo dove clan rivali e bande criminali si scontrano per la contesa del territorio.

Borrelli si riferisce alla sparatoria avvenuta lo scorso 12 marzo nella medesima zona. Lo scontro in questione ha riguardato un giovanissimo componente del clan di camorra di 19 anni ferito con colpi d’arma da fuoco all’addome e alla zona cervicale. Il ragazzo è stato portato all’Ospedale di San Paolo di Fuorigrotta, a Napoli, i cui medici lo hanno ricoverato in terapia intensiva ma che rischia di rimanere invalido su una sedia a rotelle. Non è la prima volta che compare in situazioni analoghe, infatti diversi mesi prima era rimasto ferito ad una gamba e ad un piede.

Una delegazione di Europa Verde, stanca di questi avvenimenti e composta dal deputato Borrelli e dal consigliere della prima Municipalità di Napoli Lorenzo Pascucci, denuncia “Mergellina ormai è diventato un luogo di aggregazione per giovani delinquenti figli in troppi casi di famiglie di camorristi e malavitosi. Serve un’operazione ‘alto impatto’ che riporti ordine e sicurezza su questo territorio devastato anche dall’inciviltà”.

Ultime notizie