venerdì, 21 Giugno 2024

Intervista a Mauro Ermanno Giovanardi, il tributo a Pier Paolo Pasolini: l’album solista in arrivo ma sopratutto il ritorno dei La Crus

Lo abbiamo chiamato per saperne di più su questo oggetto da collezione ed abbiamo finito per avere una notizia incredibile, un'anteprima nazionale sul futuro della sua band La Crus

Da non perdere

E’ uscito il vinile 45 giri di Mauro Ermanno Giovanardi “Cosa Resterà”, personale omaggio del fondatore dei La Crus a Pier Paolo Pasolini.

Il vinile da collezione stampato in sole 300 copie numerate ed autografate dall’artista, vede sul Lato A l’inedito scritto da Giovanardi insieme a Maria Pia Leziroli “Cosa resterà”, mentre sul Lato B è incisa la sua rivisitazione di “Una storia sbagliata”, brano composto da Fabrizio De Andrè e Massimo Bubola originariamente dedicato proprio a Pier Paolo Pasolini. Il progetto è pubblicato da Vrec Music Label con distribuzione Audioglobe.

Lo abbiamo chiamato per saperne di più su questo oggetto da collezione ed abbiamo finito per avere una notizia incredibile, un’anteprima nazionale sul futuro della sua band La Crus.

Ciao Joe come stai?
Ciao a tutti! Mh, dai benino. Per gli scaramantici “dai benino”! Detto alla milanese: “Alla grandissima” (ndr ride!)

Ovviamente parto dalla domanda “Cosa resterà”? C’eravamo sentiti già un pò di tempo fa in una video intervista per parlare di questo tuo tributo a Pier Paolo Pasolini. Ora esce anche un 45 giri, da collezione, 300 copie in edizione limitata
Sì, è un oggettino quasi più da collezione che non da sentire, però è delizioso. “Cosa resterà?” è un pezzo che ho scritto con Maria Pia Leziroli, che è una musicista molto brava, ma soprattutto un avvocato che lavora nella musica da 20 anni e che faceva parte della colonna sonora di questo cortometraggio proprio su Pasolini (ndr Tu sei bello come una stella), che è stato ospitato in un sacco di festival, per cui abbiamo preso la palla al balzo per festeggiare in qualche modo i 100 anni dalla nascita di Pasolini, mettere nel mio set 4 brani dedicati a Pasolini, con delle letture, e poi fare una cosa deliziosa che è questo sette pollici: Neanche ci speravo più che uscissero i 45 giri, come quando avevo 4-5 anni, quando mettevo i dischi nel mangia dischi. E’ stata una cosa bella proprio per omaggiare Pasolini che è stato uno dei più grandi intellettuali del ‘900 non solo nostro. Da lì sono partite una serie di cose belle per cui spero resterò questo amore.

Il pezzo è anche disponibile in digitale, ma l’idea del vinile è bellissima perché sembra proprio un ritorno al passato, ha il suo fascino. C’è anche un brano di De Andrè in esclusiva su questo disco, giusto?
Sì, è “Una storia sbagliata” che De Andrè scrisse insieme a Massimo Bubola per Pasolini e che è una versione che non verrà digitalizzata, per cui ascoltabile solo per chi prende questo 45 giri. È una versione a cui tengo moltissimo, un pezzo da collezione perché abbiamo deciso di non metterla in rete e si può ascoltare solo se si acquista questo oggettino bello.

Poi l’artwork della copertina è una foto di Ilenia Costantino, correggimi se sbaglio?
Sì è una delle immagini del cortometraggio. È tutto in stop motion per cui c’è questo pupazzetto di legno di Pasolini, questa storia che dura 8 minuti ed è molto deliziosa. Noi in qualche modo abbiamo avuto il cortometraggio che era quasi finito. Poi guardando il corto ci siamo quasi ispirati alla scrittura del pezzo, che è prodotto da Max Zanotti dei Casablanca ex Deasonika.

Tra le collaborazioni ho visto anche il nome di Lele Battista
Si c’è  anche Lele, dopo aver registrato le voci e finito di produrlo, da Lele Battista abbiamo registrato la versione di “Una storia sbagliata”.

A parte il 45 giri eri già al lavoro sul tuo nuovo album solista, come procede, se posso chiederlo?
Il disco nuovo lo stiamo masterizzando, credo che sia uno dei dischi più belli che ho fatto. Ma forse uscirà tra due anni. Non ho ancora capito, ma forse uscirà prima il disco dei La Crus. Ti do un’anteprima nazionale.

Come come? Dillo bene
Prima potrebbe uscire il disco degli inediti dei La Crus dopo 11 anni. Ho detto “forse” per tenere in sospeso tutto ma …

Insomma a questo punto, oltre a recuperare il 45 giri da collezione, non ci resta che attendere anche il nuovo album di inediti dei La Crus ed il relativo tour, notizia che farà felici tantissimi fan ed appassionati della storica band milanese.

Un ringraziamento a Mariacristina Melle.

Ultime notizie