lunedì, 20 Marzo 2023

VITALIC, l’artista francese firma la colonna sonora di “Disco Boy”: l’opera prima di Giacomo Abbruzzese

In arrivo il 13 aprile, la colonna sonora di 'Disco Boy' è la nuova creazione di Vitalic, un'avvincente collaborazione che lega l'artista al regista Giacomo Abbruzzese.

Da non perdere

Produttore e compositore francese, da oltre 20 anni Vitalic ridefinisce il concetto di musica elettronica con il suo tocco inimitabile, energico e melodico, trasformando brani che sono diventati dei classici della club culture. Tra remix e composizioni originali, Vitalic è un nome di punta nel panorama alternativo mondiale e sono numerosi gli artisti di fama mondiale che hanno collaborato con lui, da Daft Punk a Bjork, Moby, Royksopp, Paul Kalkbrenner, ma anche Amadou & Mariam, Etienne Daho, Indochine, Jean-Michel Jarre e, più recentemente, Mylène Farmer. 

In arrivo il 13 aprile, la colonna sonora di ‘Disco Boy‘ è la nuova creazione di Vitalic, un’avvincente collaborazione che lega l’artista al regista Giacomo Abbruzzese. Il primo assaggio sarà pubblicato il 21 marzo, poche settimane prima della release digitale dell’album su etichetta Clivage Music / Citizen Records. Il film, in concorso alla 73ma Berlinale, è l’esordio sulla lunga distanza di Abbruzzese ed è anche l’unico film a rappresentare l’Italia al Festival di Berlino. Nelle sale cinematografiche italiane dal 9 marzo (Lucky Red), ‘Disco Boy’ è un lavoro lungo dieci anni per il regista tarantino. La colonna sonora nasce prima delle riprese, dal racconto che Abbruzzese ha fatto a Vitalic, un filo conduttore musicale che governa una narrazione scarna di dialoghi ma densa di sequenze ed inquadrature.

Dieci anni dopo la sua prima esperienza nelle colonne sonore, Vitalic torna nel mondo del cinema ma con un nuovo approccio. “Per il primo film a cui ho lavorato, ‘La Leggenda di Kaspar Hauser’, ho avuto la libertà di creare ciò che volevo ed il regista ha semplicemente scelto ciò che gli piaceva. Lavorare con Giacomo Abbruzzese è stato davvero interessante e c’è stata molta interazione tra noi. Quando ho iniziato, Giacomo mi ha dato molte idee sulle direzioni che avrebbero potuto prendere le tracce. Poi, ho letto la sceneggiatura e ho lavorato mentre stavano girando. C’è stato un momento in cui ero a Réunion per suonare all’Electropicales Festival e Giacomo stava girando nello stesso momento, così ho potuto assistere ad alcune scene. E’ stato allora che ho composto la musica per la sezione del film ambientata a Réunion, un brano chiamato ‘Disco Boy (Coeur Des Ténébres)”.

Per Vitalic comporre la colonna sonora è stato un lungo processo. “Mi ci sono voluti due anni per finire la musica del film e nel mentre stavo anche registrando il mio doppio album, ‘Dissidaence’. Durante il montaggio del film è stato fatto un enorme lavoro sulla musica, con molte interazioni tra me ed il regista. Giacomo mi ha spiegato il tipo di suoni che voleva, l’atmosfera, e mi ha dato vincoli di tempo molto specifici”. 

Sono stato contattato diverse volte in passato da registi che mi chiedevano di creare le musiche per i loro film ma ho sempre rifiutato. Con Giacomo è stato diverso perché abbiamo entrambi un forte legame che ci lega alla musica e con la musica. Aveva un’idea precisa di quello che voleva, ma mi ha comunque permesso di sperimentare. E’ un modo affascinante di lavorare. Inoltre Giacomo descrive molto bene la mia musica, dice che faccio musica ‘ascendente’, che nasce dalla terra, dal ritmo e sale verso la melodia, verso qualcosa di cosmico. Mentre scrivevo la colonna sonora, cercavo suoni insoliti, a volte più ambient, mentre i brani che realizzo per i miei album hanno un lato più pop ed una costruzione techno più immediata” continua Vitalic.

L’artista descrive ‘Disco Boy’ come “potente”. Il lungometraggio racconta la storia di due giovani dai destini apparentemente molto diversi: Alex, un bielorusso che si arruola nella Legione Straniera francese e va a combattere nel delta del Niger, e Jomo, un giovane rivoluzionario nigeriano che combatte le compagnie petrolifere che hanno devastato il suo villaggio, ma che sogna di fare il ballerino, il disco boy. Le loro vite ed i loro sogni di intrecceranno. La colonna sonora è potente quanto la storia e le sue immagini. “La musica è un personaggio del film. Ha una forte presenza e può essere ascoltata come un album. Ha una profondità e naviga tra diverse atmosfere”. I fan di Vitalic graviteranno sulla techno impennata e sulla grancassa pesante di ‘Disco Boy (The Rising)‘, ‘Vladimir 92′ e ‘King Burger‘, ma ci sono anche brani più intriganti e cinematografici come ‘The Swamps‘, ‘Lost Times’ e ‘La Guerre‘, oltre a tracce più oscure che evocano potenti emozioni.

In nove tracce Vitalic rivela un rinnovato lato della sua padronanza dei synth con nuovi paesaggi sonori, mostrando la facilità con cui può contribuire ad un accattivante progetto cinematografico. Ciò che rende Vitaliccosì potente e diverso è il mix di riferimenti che contraddistinguono le sue creazioni, che spaziano dalla disco all’elettronica, dalla new wave alla EBM, fino a suoni rave, power pop e punk-rock. Le sue produzioni sono state utilizzate nelle campagne di prestigiose case di moda, tra cui Louis Vuitton, Guerlain e Chanel, oltre che in numerosi lungometraggi, serie e spot televisivi. Allo stesso tempo, Vitalic si esibisce sotto altri alias come Dima per progetti puramente techno, o KOMPROMAT (progetto EBM in duo con Rebeka Warrior).

La colonna sonora di ‘Disco Boy’ è in arrivo in digitale su etichetta Clivage Music / Citizen Records il 13 aprile.

Ultime notizie