martedì, 5 Marzo 2024

“Light is Life”, 12 opere internazionali accendono Bergamo: la luce come espressione artistica

La manifestazione, organizzata dal Gruppo A2A, coinvolge 17 artisti di fama nazionale e internazionale e punta a coinvolgere tutte le istituzioni culturali e i luoghi di formazione del territorio.

Da non perdere

È avvenuta alle 18.30 del 17 febbraio l’inaugurazione dell’evento “Light is Life – Festa delle Luci A2A” in Piazza Vecchia a Bergamo Alta in occasione di “Bergamo Brescia – Capitale Italiana della Cultura 2023”. La manifestazione, organizzata dal Gruppo A2A, coinvolge 17 artisti di fama nazionale e internazionale e punta a coinvolgere tutte le istituzioni culturali e i luoghi di formazione del territorio.

Sul palco illuminato ai piedi della Biblioteca Civica Angelo Mai Neri Marcorè ha dato il via ufficiale, accompagnato dal sindaco di Bergamo Giorgio Gori, il sindaco di Brescia Emilio del Bono, l’assessore alla cultura di Bergamo Nadia Ghisalberti, il presidente di A2A Marco Patuano, l’amministratore delegato di A2A Renato Mazzoncini e il direttore artistico del festival Angelo Bonello. Gori spiega che la scelta del luoghi, quasi tutti chiusi, rappresenta un’occasione sia per i bergamaschi sia per i turisti di conoscere meglio la città e apprezzarne le sue bellezze. Insieme, i sindaci delle capitali della cultura, chiariscono la scelta del tema: “la luce, oltre a farti vedere le cose in modo diverso, ti aiuta ad affrontare le diversità e le complessità”.

Dopo la presentazione, i protagonisti sono stati il Coro del Conservatorio Gaetano Donizetti, in particolare la giovane soprano Jessica Pantarotto, e la Biblioteca Civica Angelo Mai, sulla quale è stato proiettata la prima opera del collettivo Unità C1: uno spettacolo che ha giocato con il movimento, le linee e il loro effetto sulla facciata della biblioteca. Le installazioni si sono illuminate soltanto un’ora più tardi e vantano la collaborazione di artisti provenienti da tutto il mondo: dalla britannica Chila Kumari Burman, al serbo Victor Vicsek, per poi tornare in Italia con Angelo Bonello, Daniele Spanò e Federica Marangoni. Una collaborazione che va oltre i confini e unisce attraverso un obiettivo comune: risvegliare l’interesse pubblico riguardo il problema energetico.

L’evento, gratuito e aperto al pubblico, è organizzato secondo un percorso preciso di 12 opere alimentate da energie rinnovabili che attraversa i luoghi culturali più importanti di Città Alta, partendo da Piazza della Cittadella e terminando a Palazzo Moroni. Il sentiero luminoso si apre con “Ballerina”, delle figure danzanti a cura di Angelo Bonello. Le altre menti collaboratrici sono: Victor Vicsek (“Talking Heads”), Ivan Navarro (“Traffic”, “Bed”), Federica Marangoni (“The Time Machine”, “Go Up”), Oliver Ratsi (“Frame Perspective”), Daniele Davino (“Polaroad”), Luca Branchi e Daniele Spanò (insieme in “0,3m”). Anche gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Bergamo hanno partecipato alla manifestazione, esponendo le loro “Storie di luce” alla Rocca, fortificazione trecentesca con un magnifico parco esterno che gode di una vista mozzafiato.

Locandina del percorso a Bergamo

Come ribadito da Patuato, la manifestazione nasce come spunto di riflessione riguardo due fattori rilevanti: quello ambientale, contro lo spreco energetico e a favore dell’utilizzo di energia derivante da fonti rinnovabili, e quello sociale, attraverso il sostegno a Fondazione Banco dell’energia. Fondazione Banco dell’energia si impegna da anni contro la povertà energetica in Italia, è per questo che il Gruppo A2a donerà alla Fondazione una somma equivalente al volume di energia utilizzata per illuminare la installazioni sommata alle donazioni raccolte tramite l’iniziativa “Adotta un’opera”, le vendite di merchandising e il Saltafila del Castello di Brescia.

La manifestazione si concluderà domenica 26 febbraio e durante questi 9 giorni saranno visitabili a ingresso libero con illuminazione delle opere dalle 18 alle 24. Inoltre, in questa fascia oraria, verranno intensificate le linee di collegamento tra il centro città e Città Alta.

Ultime notizie